Nuove regole per l’aggiornamento professionale degli Architetti

Nuove regole per l’aggiornamento professionale degli Architetti

Gli architetti iscritti all’Ordine dovranno ottenere 60 crediti formativi ogni tre anni per poter essere in regola con gli l’aggiornamento continuo richiesto dalla professione. Nello specifico, dodici dei crediti previsti dovranno derivare da materie come la deontologia professionale e la disciplina contenuta nel regolamento dell’Ordine. La nuova disciplina sull’aggiornamento professionale e la formazione è stata recentemente approvata dal Consiglio Nazionale degli Architetti: pubblicata ufficialmente il 31 maggio, è entrata in vigore il 1° luglio di quest’anno.

La formazione e il raggiungimento dei 60 crediti formativi richiesti entro i tre anni vengono intesi nell’ “anno solare”, quindi il conteggio comincia il 1° gennaio successivo all’anno di prima iscrizione all’ordine. Sono previsti crediti anche con corsi di formazione online, oltre che con i più tradizionali convegni, seminari e workshop professionali. È anche prevista la possibilità di collaborazione con altri ordini professionali di operatori tecnici, per attività di aggiornamento interdisciplinari e uno sviluppo professionale più completo sul panorama lavorativo nazionale.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Lavoro

I geometri maturano la pensione versando contributi parziali

Una recente sentenza della Corte di Cassazione, la n. 15643 del 14 giugno 2018, ha creato un precedente dando fondamentalmente ragione a un geometra che, richiesta la pensione per aver

Lavoro

Norme Tecniche per le Costruzioni 2018

È già stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e diventerà operativo a partire dal prossimo 22 marzo il nuovo testo riguardante le Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC 2018. L’ultimo

Lavoro

Quando è previsto il Lavoro a chiamata in edilizia?

I contratti di lavoro a chiamata, che dal 2018 dovranno sostituire i voucher recentemente aboliti dal Governo, si configurano come dei contratti in cui il datore di lavoro può chiamare