Nuovo regime forfettario IVA 15%
1244 Views

Nuovo regime forfettario IVA 15%

Flat Tax

La “mini flat tax” 2018 è in definitiva un nuovo regime fiscale agevolato per partite iva con aliquota fissa al 15%, per redditi dichiarati non superiori ai 65 mila euro. Possono usufruire del nuovo regime fiscale i lavoratori autonomi e le imprese a conduzione familiare purché non svolgano attività per le quali siano già previsti regimi IVA agevolati, come per esempio il regime dei minimi con aliquota al 5%. Anche società e associazioni non potranno richiedere il nuovo regime fiscale, così come non potranno essere inserite nel nuovo regime agevolato al 15% coloro che, oltre alla partita iva da autonomi, abbiano anche un contratto da dipendenti qualora nell’anno precedente la richiesta abbia superato i 30 mila euro lordi l’anno.

Per quanto riguarda la tassazione di ricavi e compensi, si dovrà fare riferimento alle categorie ATECO specifiche con oscillazioni dei coefficienti di redditività ai fini dell’individuazione della base imponibile che vanno dai 25 mila euro nelle attività di costruzione o intermediazione fino ai 50 mila euro per altri settori commerciali

Previous ILLUMINOTRONICA 2018 a Bologna la fiera della system integration e la home & building automation
Next Privacy agevolata per PMI

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Rapporto BIM 2017

Il 14 febbraio è stato presentato a Roma un dossier riguardante l’utilizzo del modello tecnologico BIM (Building Information Modeling) nel 2017. Il rapporto è stato presentato dall’Associazione delle società di

Lavoro

Professionisti: gli over 60 superano i giovani

Un recente dossier statistico (ottavo Rapporto Adepp sulla previdenza privata) fotografa in Italia una situazione che, se dal lato del reddito può sembrare confortante (+1,5% rispetto all’anno scorso), dal punto

Lavoro

Ingegneri e architetti italiani all’Estero

Secondo l’ultima ricerca pubblicata dalla Fondazione Inarcassa, che ha visto coinvolto un campione di liberi professionisti che lavorano nel campo dell’ingegneria e dell’architettura pari a 14 mila unità, l’Estero è