Privacy agevolata per PMI

Privacy agevolata per PMI

GPRD

Il Garante della Privacy, nell’accogliere il Regolamento (EU) n. 679/2016 sul trattamento dei dati personali (abbreviato in GPRD) ha pensato anche a un regime agevolato per semplificare la burocrazia per piccole e medie imprese, che avrebbero grandi difficoltà a gestire gli adempimenti. Sul sito del Garante per la Protezione dei Dati Personali (www.garanteprivacy.it) è infatti presente un vademecum, comprensivo di FAQ e risposte alle domande più frequenti, che esplica come deve essere compilato il registro del trattamento, quindi tutti gli adempimenti che devono essere registrati dal responsabile del trattamento dei dati personali.

Questo registro sostituisce in pratica la notificazione al Garante, obbligo eliminato dal Decreto Legislativo 101 del 2018. Il registro contiene moltissime informazioni, fra cui il periodo per cui i dati personali possano essere conservati negli archivi aziendali o le basi giuridiche utili per il trattamento dei dati. Uno strumento ideato per venire incontro alle esigenze di trasparenza e chiarezza richieste dalle PMI italiane dopo l’entrata in vigore del GPRD.

Previous Nuovo regime forfettario IVA 15%
Next In arrivo fattura elettronica precompilata

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Nuovi fondi per dissesto idrogeologico

Il ministro dell’Ambiente, Sergio Costa, ha annunciato durante un incontro fra Stato e Regioni lo sblocco di fondi pari a 3,5 miliardi di euro, già stanziati dai governi precedenti e

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori

Attualità

Cambio destinazione d’uso e permessi

Una recente sentenza del TAR Campania (n.846/2018) chiarisce quando sia necessario o meno il permesso comunale a costruire in edifici per i quali si desidera cambiare la destinazione d’uso. Nella