0 2093 Views

Geometri: nuove regole per l’invio di successioni e visure catastali

Da oggi anche geometri e periti tecnici potranno occuparsi dell’invio della documentazione relativa a successioni e visure catastali, una pratica che prima poteva essere svolta unicamente da notai, commercialisti e consulenti del lavoro. Il provvedimento n. 42444/2017 dell’Agenzia delle Entrate infatti abilita queste categorie professionali (purché iscritti all’Albo di riferimento) a utilizzare i software (attualmente UniMod e Voltura 1.1) per l’invio telematico dei dati all’Agenzia delle Entrate competente sul territorio di riferimento.

Secondo il Presidente del Consiglio Nazionale Geometri e Geometri Laureati, Maurizio Savoncelli, la nuova regola è fondamentale per il ruolo che i geometri svolgono nel rapporto fra cittadini e pubblica amministrazione, dato che sono dei tecnici “di fiducia” e importanti figure di riferimento per molti cittadini. Inoltre hanno le competenze tecniche e legislative che li rendono idonei all’invio di successioni e visure catastali.

Previous Modifica regole IMU per capannoni e imbullonati
Next Disegno di legge per il recupero crediti esentasse

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Sgravi fiscali: quote rosa e “over 50”

Recentemente è stato firmato il decreto che assicura alle aziende sgravi fiscali fino al 50% per l’assunzione di forza lavoro femminile in tutti quei settori in cui esiste forte disparità

Lavoro

Parere Ance: no ai vaucher in edilizia

Il nuovo Presidente dell’Ance, Gabriele Buia, ha espresso la sua soddisfazione per l’ammissibilità del referendum sui vaucher recentemente decretato dalla Corte Costituzionale. Secondo il professionista infatti, soprattutto nel settore dell’edilizia

Lavoro

Malattia anche per chi è iscritto a gestione separata

Da sempre i lavoratori parasubordinati e iscritti alla gestione separata Inps lamentano una disparità di trattamento rispetto a chi gode di un contratto subordinato regolare. Secondo l’Inps, anche questa tipologia