0 2318 Views

Disegno di legge per il recupero crediti esentasse

Un disegno di legge presentato alla Camera il 22 febbraio scorso da alcuni Parlamentari prevede che per le operazioni per il recupero dei crediti da parte di professionisti iscritti ad Ordini nazionali sia previsto un regime fiscale agevolato che già si utilizza per le controversie individuali. La nuova legge andrebbe a sanare una pratica sempre più comune, ovvero i mancati pagamenti da parte dei clienti, che spesso incidono in maniera sostanziale sui redditi dei professionisti che, piuttosto che cominciare una causa legale per il recupero dei crediti, preferiscono rinunciare al pagamento.

In questo modo si andrebbe a uniformare anche per il recupero dei crediti il principio della gratuità delle spese processuali, fermo restando il pagamento del contributo unificato che è fissato su una spesa pari alla metà delle spese processuali ordinarie. I professionisti che non arrivano al reddito minimo potranno usufruire del patrocinio gratuito secondo quanto previsto dalla legge. Il recupero dei crediti che potrà usufruire degli sgravi sarà valido per importi non superiori a 5 mila euro di compensi e rimborsi riguardanti l’esercizio della libera professione.

Previous Geometri: nuove regole per l’invio di successioni e visure catastali
Next Convegno: Sequenza sismica del Centro Italia 2016-2017.

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Grandi numeri per il Mercato Elettronico della Pubblica Amministrazione

Lo strumento del MePa, nato nel 2003 per supportare le pubbliche amministrazioni nella scelta e nell’acquisto di beni e servizi, è arrivato nel 2017 a un risultato mai raggiunto negli

Lavoro

Quando è previsto il Lavoro a chiamata in edilizia?

I contratti di lavoro a chiamata, che dal 2018 dovranno sostituire i voucher recentemente aboliti dal Governo, si configurano come dei contratti in cui il datore di lavoro può chiamare

Lavoro

Split Payment anche per i liberi professionisti

Lo split payment, ovvero il meccanismo per l’assolvimento dell’iva che fin’ora ha riguardato solamente imprese fornitrici di beni e servizi nei contratti con le pubbliche amministrazioni, è ora applicato anche