Modifica regole IMU per capannoni e imbullonati

Modifica regole IMU per capannoni e imbullonati

Buone notizie per i possessori di edifici di categoria D ed E. Con le nuove normative recentemente approvate dalla Legge di Stabilità 2016 infatti saranno esclusi dal conteggio IMU sulla rendita castale molti macchinari, congegni e impianti funzionali che venivano invece calcolati fino all’entrata in vigore della nuova legge. Nel nuovo calcolo degli impianti esclusi dal calcolo castastale e IMU sono compresi celle frigorifere non in muratura, gru fisse, impianti di lavaggio dei distributori e molte altre categorie di macchinari che vengono espressamente segnalati nella normativa in ogetto.

Grazie a queste nuove regole il risparmio per i possessori di edifici a uso speciale e industriale avranno un ottimo risparmio rispetto all’IMU. Per calcolare una stima del risparmio, i professionisti potranno rivolgersi a un tecnico che saprà indicare la cifra precisa di risparmio previsto, presentando un aggiornamento catastale con lo scorporo degli impianti che ora saranno esclusi dal calcolo della tassazione.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 621 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Classificazione dell’abuso edilizio

Grazie alla sentenza n. 1484 del 30 marzo 2017 è possibile avere un quadro più chiaro degli abusi edilizi, e di quando un abuso debba essere considerato totale, sostanziale o

Normative

Arriva la Riforma delle Casse previdenziali

Le Casse previdenziali degli ordini professionali stanno per essere riformate, infatti è in arrivo entro il mese di aprile la proposta di legge per il Testo unico di riforma degli

Normative

Nasce il Nuovo Codice della Protezione Civile

Il 2018 porta importanti novità nel campo della sicurezza e della Protezione Civile, con il decreto legislativo n. 224 del 2 gennaio 2018, già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è infatti