0 2625 Views

Sisma-bonus: no alle analisi dei geometri

Il Decreto noto come Sisma-bonus recentemente firmato dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio contiene degli importanti veti sulle professionalità non ammesse a eseguire le analisi per la messa in sicurezza degli edifici danneggiati dai recenti sisma che hanno colpito l’Italia centrale. La categoria dei geometri infatti, se in un primo momento era sembrata idonea a eseguire i rilievi, nel nuovo decreto non compare come idonea: solo ingegneri e architetti saranno abilitati a eseguire le specifiche diagnosi.

Secondo Maurizio Savoncelli, presidente del Consiglio Nazionale dei Geometri, “si tratta di un clamoroso errore”, infatti ha subito segnalato al Ministero le sue perplessità, soprattutto sul fatto che un Decreto Ministeriale non possa in alcun caso definire le competenze dei professionisti, come invece accade all’articolo 3 del Sisma-bonus. Il Ministero, come dice lo stesso Savoncelli, sta già pubblicando alla correzione dell’inesattezza, ma di fatto per il momento il blocco sull’assegnazione dei lavori di questo tipo a geometri e tecnici permane.

Previous Salone Internazionale Progetto Comfort
Next Modifica regole IMU per capannoni e imbullonati

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Nuovo Decreto per manutenzione ordinaria

Il nuovo decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, pronto per essere discusso durante la Conferenza Unificata prevista il 22 maggio prossimo e riguardante i criteri per la progettazione

Normative

Nasce la legge Salva Borghi

L’Italia è uno Stato in cui sono presenti tanti piccoli comuni e borghi di origini molto antiche, spesso medievali, che hanno fatto la storia e continuano a essere interessanti spunti

Normative

Pubblica amministrazione: Istruzioni Anac per affidamenti “in house”

Secondo il Nuovo Codice Appalti e le direttive dell’Autorità Anticorruzione le Pubbliche Amministrazioni che desiderano affidare dei lavori senza gara d’appalto a società controllate, definito sistema In house, dovranno iscriversi