Nasce la legge Salva Borghi
1588 Views

Nasce la legge Salva Borghi

L’Italia è uno Stato in cui sono presenti tanti piccoli comuni e borghi di origini molto antiche, spesso medievali, che hanno fatto la storia e continuano a essere interessanti spunti turistici. Proprio per questo il Parlamento italiano ha ideato e approvato il ddl n. 2541 ovvero le “Misure per il sostegno e la valorizzazione dei piccoli comuni, nonché disposizioni per la riqualificazione e il recupero dei centri storici dei medesimi comuni”. Il decreto è mirato a supportare i comuni italiani con meno di 5 mila abitanti e comprende l’istituzione di un Fondo specifico di cento milioni di euro per lo sviluppo strutturale, economico e sociale dei centri che rientrano nelle caratteristiche.
Ciò significa puntare al recupero dei centri storici urbani anche con la promozione della tipologia di struttura ricettiva nota come albergo diffuso, caratterizzata da diverse strutture situate a poca distanza fra loro, che tutte insieme formano un’unità turistica. Il piano prevede anche l’acquisto di case cantoniere e altre strutture abbandonate e ristrutturabile per riqualificarle e farne dei centri culturali e di promozione turistica e sociale, primo obiettivo del ddl per il miglioramento dei borghi italiani.

L'articolo è scritto da:

Potrebbe interessarti anche:

Normative

In arrivo un decreto per messa in sicurezza di ponti e strutture

Il Governo negli ultimi giorni sta lavorando per l’approvazione di un decreto urgente per stanziare dei fondi finanziari per la messa in sicurezza e la manutenzione delle infrastrutture in Italia.

Normative

Manovra Finanziaria 2018: i grandi esclusi

La Manovra Finanziaria 2018 porta con sé alcune differenze rispetto ai bonus presenti in quella dell’anno in corso, come per esempio qualche aggiustamento per difetto dell’Ecobonus per quanto riguarda la

Normative

Liberatoria Anac: stop al pagamento dei contributi all’Ente per ricostruzione post-sisma

Il recente Decreto ministeriale del 19 dicembre 2018 ha approvato la Liberatoria Ance secondo la quale nessun contributo sia dovuto all’Ente in sede di gara per lavori inerenti la ricostruzione