Stop per la Riforma Catasto

Stop per la Riforma Catasto

Nonostante la Raccomandazione delle specifiche Commissioni UE e gli annunci sulla necessità di una revisione delle rendite catastali, l’annunciata Riforma del catasto non è ancora in programma. Lo stesso on. Trano, esponente della Commissione Finanze, nella relazione sulla Nota di aggiornamento al DEF, sottolinea che non è opportuno rivedere ulteriormente l’imposizione sugli immobili, dal momento che nelle ultime legislature hanno subito delle modifiche legislative continue.

In realtà la riforma del catasto è bloccata da diversi anni, pur essendo da anni annunciata nei disegni di legge che riguardano il Bilancio statale. La delega al Governo per rivedere le rendite catastali è stata approvata con la Legge 23 del 2014, in cui si auspicava di modificare la rendita facendo conto dei metri quadrati degli immobili e non più dei vani, ma attualmente nulla si è mosso in tal senso e il valore catastale degli immobili continua a essere valutato secondo vecchie sperequazioni ormai obsolete che non tengono conto del reale valore dell’immobile.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Approvato dalla Camera il DDL sulla Concorrenza

Chiesto da più parti e da diversi ordini professionali, è stata recentemente approvato dalla Camera dei Deputati il Disegno di Legge sul Mercato e la Concorrenza, che ora dovrà seguire

Normative

Nuovo Regolamento Autorizzazione Paesaggistica Semplificata

Il Consiglio dei Ministri ha recentemente approvato il disegno di legge che regolamenta le autorizzazioni paesaggistiche semplificate e individua gli interventi che non necessitano di procedura specifica per il loro

Normative

I comunicati Anac sono considerati non vincolanti

Il Tar di Perugia, con la sentenza n. 428 del 31 maggio 2017, ha stabilito che le direttive contenute nei comunicati Anac devono essere considerate come pareri non vincolanti, ovvero