Stop per la Riforma Catasto
919 Views

Stop per la Riforma Catasto

Nonostante la Raccomandazione delle specifiche Commissioni UE e gli annunci sulla necessità di una revisione delle rendite catastali, l’annunciata Riforma del catasto non è ancora in programma. Lo stesso on. Trano, esponente della Commissione Finanze, nella relazione sulla Nota di aggiornamento al DEF, sottolinea che non è opportuno rivedere ulteriormente l’imposizione sugli immobili, dal momento che nelle ultime legislature hanno subito delle modifiche legislative continue.

In realtà la riforma del catasto è bloccata da diversi anni, pur essendo da anni annunciata nei disegni di legge che riguardano il Bilancio statale. La delega al Governo per rivedere le rendite catastali è stata approvata con la Legge 23 del 2014, in cui si auspicava di modificare la rendita facendo conto dei metri quadrati degli immobili e non più dei vani, ma attualmente nulla si è mosso in tal senso e il valore catastale degli immobili continua a essere valutato secondo vecchie sperequazioni ormai obsolete che non tengono conto del reale valore dell’immobile.

Previous E-Fattura: 6 mesi di tolleranza
Next Smart Building Levante. Progettare e costruire è smart

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Al via il Decreto Milleproroghe

Il parlamento ha dato il suo sì definitivo al D. lgs. n. 244 del 30 dicembre 2016, meglio noto come Decreto Milleproroghe. Fra le proroghe più importanti e significative per

Normative

Novità per il catasto rurale

Attualmente gli immobili rurali sono censiti al Catasto terreni, tuttavia i fabbricati rurali dovrebbero avere un catasto specifico, ovvero il Catasto dei fabbricati rurali. Per questo motivo l’Unione Nazionale Comuni

Normative

Sicurezza e campionamento su strutture: solo 120 aziende sono autorizzate

Il tragico crollo del Ponte Morandi ha messo in moto una serie di quesiti e questioni tecniche: i cittadini italiani chiedono sicurezza e si interrogano su come si possano prevenire