0 2414 Views

Nasce la E-card per lavorare in tutta Europa

Professionisti e aziende avranno presto a disposizione un nuovo strumento che consentirà di snellire la burocrazia e lavorare più agilmente su tutto il territorio dell’Unione Europea. La nuova E-card infatti è una carta elettronica dei servizi utile a facilitare l’accesso al Mercato Unico e fornire i propri servizi e consulenze in tutti gli Stati membri. Chi è in possesso della carta infatti sarà esonerato dalla presentazione di autorizzazioni e notifiche preventive eventualmente previste dalla legislazione nazionale dei singoli stati.

Il Governo italiano sta lavorando in questi mesi per la messa a punto di questo nuovo sistema per il riconoscimento professionale, la E-card, introdotta con Regolamento 823/2016, sarà utilizzata soprattutto nei settori delle costruzioni (edilizia, edilizia civile e interventi di costruzione specializzati) e dei servizi alle imprese, che possono riguardare diverse tipologie di intervento: dall’informatico fino alle attività amministrative e di supporto. La E-Card si potrà richiedere attraverso procedura telematica, e una volta completate le formalità sarà rilasciata a professionisti e aziende che vogliano espandersi all’Estero.

Previous Al via il Decreto Milleproroghe
Next Salone Internazionale Progetto Comfort

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Attestato Prestazione Energetica: quali ingegneri non necessitano di corsi di formazione specifici?

Il Consiglio Nazionale degli Ingegneri, esprimendo un parere richiesto dalla Regione Lazio sull’argomento dei nuovi attestai APE per le prestazioni energetiche degli edifici riprende la circolare del Consiglio degli Ingegneri

Lavoro

Deducibili le spese per formazione professionale

L’aggiornamento professionale sarà completamente deducibile per importi fino a 10 mila euro annuali, è questa una delle novità più interessante del recento Jobs Act Autonomi siglato di recente al Parlamento.

Lavoro

Professionisti: gli over 60 superano i giovani

Un recente dossier statistico (ottavo Rapporto Adepp sulla previdenza privata) fotografa in Italia una situazione che, se dal lato del reddito può sembrare confortante (+1,5% rispetto all’anno scorso), dal punto