Al via il Decreto Milleproroghe

Al via il Decreto Milleproroghe

Il parlamento ha dato il suo sì definitivo al D. lgs. n. 244 del 30 dicembre 2016, meglio noto come Decreto Milleproroghe. Fra le proroghe più importanti e significative per il settore costruzioni, continua la detrazione fiscale Iva pari al 50% sull’acquisto di nuove case classificate in classe energetica A e B (le case efficienti), la posticipazione al 30 giugno per l’installazione delle termovalvole nei condomini e il rinvio al 31 dicembre 2017 per l’adeguamento antincendio degli edifici adibiti ad asili e alberghi.

Importante anche il dato sulle nuove assunzioni da parte dell’Anas, dal momento che per il triennio 2017-2019 l’Ente Nazionale per le Strade è esonerato dalla spending review e dal blocco delle nuove assunzioni per figure professionali come ingegneri e personale tecnico operativo. In relazione agli interventi post-sisma, il Decreto Milleproroghe sblocca 32 milioni di euro per finanziare una serie di misure di urgenza nei comuni colpiti dal sisma del 2016. Inoltre sono previste proroghe alla sospensione di mutui e finanziamenti nei territori colpiti, comprese bollette e canone RAI negli edifici considerati inagibili.

Previous Casa Italia, al via il database unico
Next Nasce la E-card per lavorare in tutta Europa

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Correttivo sul Sisma-bonus sulle diagnosi di geometri e periti

Dopo le proteste ufficiale del Consiglio Nazionale dei Geometri sul veto posto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nel decreto noto come Sisma-bonus per geometri e periti, che secondo

Normative

Codice dei Contratti non conforme alle Direttive UE

Il nuovo Codice dei Contratti si scontra con le direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE e proprio per questo motivo la Commissione Europea ha inviato all’Italia delle lettere di costituzione in

Normative

Progettazione e ristrutturazione edifici pubblici: Criteri Ambientali Minimi

Con il DM dell’11 ottobre 2017, entrato in vigore lo scorso 7 novembre dopo la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale, il Ministero dell’Ambiente chiarisce alcuni punti, chiamati i “Criteri Ambientali Minimi”