Casa Italia, al via il database unico

Casa Italia, al via il database unico

Il rettore del Politecnico di Milano Giovanni Azzone, project manager del progetto governativo per la ricostruzione e la prevenzione dei danni causati dai terremoti “Casa Italia” ha presentato alla Comissione Parlamentare specifica il suo programma di prevenzione, che prevede fra l’altro la creazione di un database unico nazionale per classificare luoghi e territori con una scala specifica secondo il grado di pericolosità.

Entro marzo è previsto anche l’inizio di dieci cantieri tipo per la messa in sicurezza degli edifici colpiti, tenendo conto del contesto socio-economico in cui sono costruiti. La novità del piano è consentire a chi ci abita di non abbandonare le loro case. Finora i programmi di ricostruzione e le politiche di prevenzione non hanno ottenuto gli effetti sperati, per questo è stato convocato un team di esperti, guidati dall’ingegnere Giovanni Azzone, che possa supportare i comuni a rischio in tutte le fasi di prevenzione e ricostruzione, per una maggior sicurezza dei cittadini e una conoscenza più elevata dei territori e del rischio sismico ad essi legato.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo

Il Governo italiano, secondo quando previsto dal regolamento UE n. 305/2011 dovrà adeguarsi alle nuove norme sui materiali da costruzioni entro il 15 marzo del 2017. In particolare la norma

Attualità

Molise: credito immediato per imprese che hanno ricostruito dopo il sisma

Il Presidente della Regione Molise, Paolo di Laura Frattura, ha studiato una soluzione per ovviare il problema dei pagamenti non ancora versati alle imprese edili che si sono impegnate nella

Attualità

Ordini professionali in piazza per tutelare i professionisti e i giovani

Il 13 maggio a Roma i professionisti e i vertici Ordini professionali sono scesi in piazza a Roma per mettere in chiaro quali siano le tutele che gli ordini devono