Casa Italia, al via il database unico
1534 Views

Casa Italia, al via il database unico

Il rettore del Politecnico di Milano Giovanni Azzone, project manager del progetto governativo per la ricostruzione e la prevenzione dei danni causati dai terremoti “Casa Italia” ha presentato alla Comissione Parlamentare specifica il suo programma di prevenzione, che prevede fra l’altro la creazione di un database unico nazionale per classificare luoghi e territori con una scala specifica secondo il grado di pericolosità.

Entro marzo è previsto anche l’inizio di dieci cantieri tipo per la messa in sicurezza degli edifici colpiti, tenendo conto del contesto socio-economico in cui sono costruiti. La novità del piano è consentire a chi ci abita di non abbandonare le loro case. Finora i programmi di ricostruzione e le politiche di prevenzione non hanno ottenuto gli effetti sperati, per questo è stato convocato un team di esperti, guidati dall’ingegnere Giovanni Azzone, che possa supportare i comuni a rischio in tutte le fasi di prevenzione e ricostruzione, per una maggior sicurezza dei cittadini e una conoscenza più elevata dei territori e del rischio sismico ad essi legato.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Nuovo modulo per il Permesso di costruire

Con la Conferenza Unificata Stato-Regioni dello scorso 6 luglio è stato approvato il nuovo modulo che dovrà essere presentato come richiesta del permesso di costruire. La revisione è stata effettuata

Attualità

Italia capolista per le certificazioni energetiche delle imprese

L’Italia ha raggiunto nel 2016 un importante primato europeo nel settore delle certificazioni energetiche delle imprese che operano sul suo territorio. Le diagnosi energetiche effettuate dalle nostre imprese ammontano infatti

Attualità

Problemi di transizione al Nuovo Codice Appalti

Il nuovo Codice Appalti entrato in vigore lo scorso 20 aprile, che contiene una serie di nuove norme riferite agli appalti e alle modalità di partecipazione a lavori commissionati dalla