Bonus caldaie 2018

Bonus caldaie 2018

La nuova Legge di Bilancio 2018, fra le tante agevolazioni per il risparmio e l’efficienza energetica, include anche uno specifico bonus per l’installazione di caldaie a condensazione di classe A. Sono infatti disponibili, per chi sceglie di acquistare e installare questa tipologia di impianto di riscaldamento, degli sgravi fiscali che arrivano fino al 65%. La percentuale è correlata infatti all’efficienza energetica e alle prestazioni della caldaia acquistata, dunque i 65 punti percentuali potrebbero subire delle revisioni se si scelgono impianti di classe inferiore a quella specificata nella normativa.

Nello specifico, la detrazione IRPEF scende al 50% se si sceglie di installare una caldaia a condensazione di classe A (anziché A+) senza valvole. Per chi sceglie di puntare su caldaie di classe inferiore, non è previsto alcun sgravio fiscale. La modalità di pagamento del nuovo impianto, affinché si possa richiedere il bonus caldaie, dovrà avvenire tramite bonifico o carta di credito o debito, in ogni caso con modalità tracciabili. Il bonus verrà restituito con 10 quote annuali, in dieci anni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

La protezione verifica gli edifici dopo il sisma: il 55% risultano non agibili

Dopo il grave sisma che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 agosto, il Dipartimento per la Protezione Civile ha cominciato a effettuare sopralluoghi e verifiche per controllare quali

Attualità

Cambio destinazione d’uso e permessi

Una recente sentenza del TAR Campania (n.846/2018) chiarisce quando sia necessario o meno il permesso comunale a costruire in edifici per i quali si desidera cambiare la destinazione d’uso. Nella

Attualità

SCIA edilizia, confronto fra Governo e Regioni

Le norme regionali riguardanti la SCIA edilizia non possono essere troppo differenti dalle direttive del governo centrale: questo è il punto per cui il Consiglio dei Ministri ha impugnato davanti