Attenzione a chi propone impianti ceduti gratuitamente

Attenzione a chi propone impianti ceduti gratuitamente

Il GSE mette in guardia i cittadini italiani sulle quote finanziabili e sui bonus relativi al conto termico. Non sono infatti ammessi degli incentivi per impianti ceduti gratuitamente. La quota rimborsabile dal Conto Termico per chi installa nuovi impianti è pari al massimo al 65% della spesa sostenuta, per questo nella stessa nota il GSE informa di segnalare qualunque iniziativa che sostenga la fornitura gratuita degli impianti in virtù dei finanziamenti del Conto Termico, poiché è una pratica considerata ingannevole e scorretta dal punto di vista informativo.

Non sono inoltre previsti i rimborsi nei casi in cui l’installatore dell’impianto abbia effettuato a se stesso il pagamento: i pagamenti  devono in ogni caso essere eseguiti dal soggetto responsabile e quindi dal reale proprietario dell’impianto, ovvero colui che stipula il contratto con il GSE per ricevere gli incentivi sul Conto Termico.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 522 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Classificazione dell’abuso edilizio

Grazie alla sentenza n. 1484 del 30 marzo 2017 è possibile avere un quadro più chiaro degli abusi edilizi, e di quando un abuso debba essere considerato totale, sostanziale o

Attualità

Normativa sulla trasparenza degli Ordini Professionali

L’Anac, l’autorità nazionale anti-corruzione, ha posticipato i termini per l’adeguamento degli Ordini Professionali al regime di trasparenza già in uso nelle pubbliche amministrazioni. Il decreto legislativo 97/2016 infatti prevede che

Attualità

Casa Italia, il piano per la sicurezza e l’edilizia

Dopo gli ultimi tragici avvenimenti e la devastazione dei territori colpiti dal terremoto il 24 agosto, l’Italia comincia a interrogarsi sulla necessità di migliorare la sicurezza, soprattutto nelle zone sismiche.