Il nuovo Codice Appalti attiva la Cabina di Regia

Il nuovo Codice Appalti attiva la Cabina di Regia

Lo scorso 31 agosto con decreto del presidente del consiglio è stato approvato un importante correttivo del nuovo Codice Appalti relativo alla Cabina di Regia, un’istituzione che avrà il compito di dialogare con le parti sociali, come gli appaltatori, per capire quali siano le difficoltà e gli stalli delle stazioni appaltanti, curare la fase di attuazione del nuovo codice e promuovere la realizzazione di un piano telematico integrato, protocolli d’intesa e accordi fra le parti per migliorare le tempistiche.

L’istituzione sarà presieduta dal Capo del Dipartimento per gli affari giuridici e legislativi della Presidenza del Consiglio dei ministri e costituita da rappresentanti del Governo, delle Regioni e delle Province autonome, delle Autonomie locali, dell’ANAC, dell’AGID e del CONSIP.

La Cabina di Regia, in accordo con l’ANAC, ha anche il compito di inviare entro il 18 aprile del 2017 una relazione approfondita sullo stato dell’arte nel settore degli appalti alla Commissione Europea, informandola sui problemi ricorrenti e sulle cause di incertezza giuridica più frequenti.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Nuovo codice appalti: l’Anac lancia l’allarme da caos bandi

Il nuovo codice appalti in vigore in Italia dal 18 aprile, che recepisce le direttive europee sul settore edile n. 23, 24 e 25 del 2015, contiene anche delle nuove

Attualità

In Italia sono 637 le opere incompiute

Spesso conosciute con il famigerato nome di “ecomostri” le opere incompiute e abbandonate a se stesse in Italia sono ben 637, pur registrando un significativo calo rispetto al 2017 in

Attualità

Reddito medio in calo fra i professionisti tecnici

Secondo i dati del VI Rapporto Annuale del Centro Studi AdEPP, ovvero l’Associazione degli Enti Previdenziali Privati, il reddito annuale medio dei liberi professionisti nel campo tecnico, come ingegneri, architetti,