DOL: Il nuovo Durc online per imprese edili

DOL: Il nuovo Durc online per imprese edili

Il nuovo Durc online, conosciuto anche come DOL (Documento Unico di Regolarità Contributiva) è obbligatorio per le imprese edili e le ditte che si occupano di appalti e lavori pubblici e privati. Il documento infatti attesta la regolarità dell’impresa che lo presenta alla pubblica amministrazione in relazione agli obblighi INPS, Inail e agli obblighi contributivi delle casse professionali. Il Dol infatti può essere richiesto all’azienda che vince un appalto sia dalla pubblica amministrazione che da organismi di diritto pubblico, ma anche per esempio dal lavoratore dipendente assunto dall’impresa che voglia verificare la sua situazione contributiva.

Il DOL può essere richiesto online dalle aziende attraverso i portali ufficiali dell’INPS e dell’Inail, con i dati di acceso che si utilizzano normalmente per il login nei portali di riferimento. Il rilascio del DOL è immediato e ha una validità di 120 giorni a partire dal momento in cui viene richiesta. Un DOL che attesti qualche irregolarità contributiva a carico dell’azienda che ne fa richiesta è un valido motivo per la perdità dell’aggiudicazione di un appalto.

Previous Maxibando da Eni
Next Nuove professioni: restauratori di habitat marini

About author

You might also like

Normative

Correttivo sul Sisma-bonus sulle diagnosi di geometri e periti

Dopo le proteste ufficiale del Consiglio Nazionale dei Geometri sul veto posto dal Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti nel decreto noto come Sisma-bonus per geometri e periti, che secondo

Normative

Pubblica amministrazione: Istruzioni Anac per affidamenti “in house”

Secondo il Nuovo Codice Appalti e le direttive dell’Autorità Anticorruzione le Pubbliche Amministrazioni che desiderano affidare dei lavori senza gara d’appalto a società controllate, definito sistema In house, dovranno iscriversi

Normative

Nasce il Nuovo Codice della Protezione Civile

Il 2018 porta importanti novità nel campo della sicurezza e della Protezione Civile, con il decreto legislativo n. 224 del 2 gennaio 2018, già pubblicato in Gazzetta Ufficiale, è infatti