Nuovo Durc: le indicazioni Inail

Nuovo Durc: le indicazioni Inail

Dopo la pubblicazione del nuovo Regolamento del Codice dei contratti pubblici, l’Inail spiega le nuove modalità di presentazione del Durc per imprese edili e in procedura concorsuale. La regolarità contributiva è relativa agli appalti pubblici e ai lavori privati in ambito edile. Secondo la circolare Inail n. 48 del 14 dicembre, che contiene le disposizioni per la semplificazione del documento unico di regolarità contributiva (Durc) infatti si evince che l’Inps potrà effettuare delle interrogazioni presso le Casse edili territoriali per tutte le aziende che applicano il contratto nazionale del lavoro in ambito edile, che hanno l’obbligo di iscrizione alle Casse edili anche quando sono classificate alla Camera di Commercio con un codice diverso dall’edile.

In relazione al secondo punto, ovvero la verifica della regolarità contributiva per le imprese soggette a procedure, la circolare include la liquidazione coatta amministrativa con esercizio provvisorio ed elimina l’avvenuta insinuazione al passivo per obblighi contributivi scaduti prima dell’autorizzazione provvisoria, in vista di un ritorno in bonis dell’impresa.
Il Durc è rilasciato da Inail, Inps o dalle Casse edili sul territorio di riferimento.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 557 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

Aggiornamento Norme Tecniche per le Costruzioni

Il decreto ministeriale n. 8 del 17 gennaio 2018 pone importanti modifiche sulle Norme Tecniche per le Costruzioni, un aggiornamento del vigente decreto ministeriale del 14 gennaio 2008 che in

Normative

Arriva la Riforma delle Casse previdenziali

Le Casse previdenziali degli ordini professionali stanno per essere riformate, infatti è in arrivo entro il mese di aprile la proposta di legge per il Testo unico di riforma degli

Normative

IVA: escluse dall’invio obbligatorio le liquidazioni a zero

L’Agenzia delle Entrate sta in questi giorni discutendo sulla possibilità di escludere dall’obbligo di comunicazione e di invio di dati fiscali le così dette liquidazioni a zero. La nuova norma