Nuove linee guida Anac nel Correttivo Appalti

Nuove linee guida Anac nel Correttivo Appalti

Nella Gazzetta Ufficiale n. 206 del 7 novembre sono stati pubblicati una serie di correttivi al Codice Appalti che vanno ad integrare le indicazioni e le linee guida dell’Anac per i reati che possono escludere le imprese dalle procedure di gara. In particolare le linee guida riguardano la figura del responsabile unico del procedimento e gli illeciti professionali: entrambe le nuove regole entreranno in vigore il prossimo 22 novembre.

I reati che escluderanno dalle gare d’appalto sono esercizio abusivo della professione, bancarotta (sia semplice che fraudolenta), così come i reati tributari o societari e saranno applicate anche in caso di condanna non definitiva, quindi al primo grado di giudizio, comportando l’esclusione automatica da tutti gli appalti pubblici.

In relazione al responsabile unico del procedimento, le nuove regole per appalti sotto i 150 mila euro prevedono dei requisiti meno esclusivi, infatti al RUP basteranno tre anni d’esperienza nel ruolo in oggetto e un diploma, aprendo nuove possibilità per le generazioni nate alla fine degli anni Novanta.

Previous Restructura 2017 a Torino
Next Aziende: Formazione per addetti primo soccorso

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

Approvata la semplificazione edilizia

Durante la Conferenza Unificata del 4 maggio fra Governo, Regioni e Enti locali è stata approvata la semplificazione edilizia che prevede l’utilizzo di modulistica standard e unificata su tutto il

Normative

Appalti: nuove regole sui criteri ambientali minimi

La sostenibilità ambientale è un requisito sempre più importante e con il nuovo Codice appalti (D.lgs. n.50/2016) le stazioni appaltanti dovranno tenere in considerazione, nella redazione dei bandi e delle

Normative

Abusi edilizi: archiviazione non fa rima con demolizione

Secondo l’importante risultato ottenuto con la sentenza n. 45428/2016 sezione III della Corte di Cassazione, che crea precedente, qualora un procedimento penale riguardante un abuso edilizio fosse stato archiviato e