Norme Tecniche per le Costruzioni 2018

Norme Tecniche per le Costruzioni 2018

È già stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale e diventerà operativo a partire dal prossimo 22 marzo il nuovo testo riguardante le Norme Tecniche per le Costruzioni – NTC 2018. L’ultimo aggiornamento della normativa risale a dieci anni fa, la nuova legge fa chiarezza sulle nuove norme da seguire per quanto riguarda la realizzazione, i collaudi e le prestazioni di nuove strutture, ma anche sul restauro di strutture già esistenti. Le nuove regole inoltre saranno utili a costruire uno standard qualitativo sui materiali utilizzati per le costruzioni, che dovranno essere verificati e controllati, per andare verso un mercato più qualificato che promuova etica e qualità nel settore edile e delle costruzioni.

L’approccio di miglioramento si estende anche in un’ottica per l’adeguamento sismico degli edifici e riguarda anche il livello minimo accettabile per gli edifici già costruiti, rispetto agli standard che devono invece possedere gli edifici di nuova costruzione rispetto alle nuove regole antisismiche. Saranno tenuti in conto anche gli Eurocodici, purché siano adottati in maniera congiunta alle Appendici nazionali chiarite nel NTC 2018.

Previous Quasi pronto il Decreto sulla Direzione dei lavori
Next Blocco dei pagamenti pubblici a contribuenti inadempienti col fisco

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Lavoro

Come ottenere l’esenzione IMU per terreni agricoli

Con la risoluzione n. 1/DF del 28 febbraio 2018 si mette in luce e si chiariscono i punti più oscuri su chi sia beneficiario dell’esenzione IMU sui terreni agricoli, e

Lavoro

Responsabilità professionale: giro di vite dalla Cassazione

La Corte di Cassazione, con la recente sentenza n.25112 del 24 ottobre 2017, ha deciso che i professionisti sono responsabili dei danni causati a un cliente anche laddove non ci

Lavoro

Nuove professioni: restauratori di habitat marini

In Italia esiste un esempio virtuoso legato alle nuove professioni ambientali, si tratta dei professionisti noti come “restauratori di habitat marini” che lavorano per la Stazione Zoologica Anton Dohrn e