0 1068 Views

Bonus verde e progettazione

L’Agenzia delle Entrate ha recentemente chiarito un punto importante sul nuovo bonus verde, ovvero delle specifiche detrazioni Irpef dedicate a chi voglia rinnovare e rendere più accogliente il giardino di casa. La detrazione è fissata nella percentuale del 36% per le spese e fino a un tetto massimo di 5 mila euro, ma sono in molti a domandarsi quali siano le spese per il rinnovamento e la gestione delle aree verdi di casa che rientrano nel bonus governativo introdotto con la Legge Finanziaria 2018.

La progettazione e la manutenzione rientrano sicuramente fra le spese detraibili, così come le indagini preliminari e le stime che riguardano il sito in cui si dovrà intervenire. Oltre che per le coperture a verde in unità abitative, è possibile richiedere il bonus per giardini pensili ma anche per impianti di irrigazione, recinzioni e per la costituzione di pozzi per l’acqua. Per poter usufruire del bonus tutti i pagamenti devono essere tracciati, quindi è necessario pagare i lavori con bonifico bancario o postale.

Previous Multa UE all’Italia per le acque reflue
Next Appalti: i dipendenti pregiudicati non bastano a macchiare il nome di un’impresa

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

L’edificio ha più valore se è “green”

La società Johnson Controls ha appena reso noti i dati di una sua ricerca sulla situazione della sostenibilità in edilizia nel nostro territorio nazionale. L’osservatorio nazionale sulla nuova edilizia sostenibile

Ambiente

Nuovo portale per incentivi su impianti biometano

Da questo mese è online un nuovo portale gestito da GSE in cui è possibile richiedere gli incentivi previsti dalla nuova legge di stabilità per quanto riguarda la produzione di

Ambiente

Nuova direttiva europea sul riciclo consapevole

Il 4 luglio entreranno in vigore anche in Italia le nuove norme europee sull’ambiente atte ad alimentare un’economia circolare incentrata sul riciclo, che punta a disincentivare le discariche a favore