Bonifica Amianto: nuovi finanziamenti dal Ministero dell’Ambiente

Bonifica Amianto: nuovi finanziamenti dal Ministero dell’Ambiente

Il 30 aprile 2018 scadrà il termine per la presentazione delle domande, da parte delle Pubbliche Amministrazioni, per la possibilità di ottenere dei finanziamenti sulla rimozione e la bonifica dell’amianto su edifici scolastici. I finanziamenti predisposti dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare sono stanziati in particolare per la progettazione preliminare e definitiva degli interventi di rimozione dell’amianto, così come predisposto dal Decreto n. 276 del 25 novembre 2016.

I finanziamenti possono coprire le spese specifiche per la progettazione fino a un massimo di 15 mila euro per ogni singola pubblica amministrazione. La priorità verrà data ad edifici scolastici ad alto rischio, ovvero le strutture che presentano amianto friabile. Il bando è disponibile anche nel sito del Ministero dell’Ambiente al link www.amiantopa.minambiente.ancitel.it.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Ambiente

Nuovi bonus per sostituire tetti in amianto

Il decreto Fer1 Grazie al nuovo decreto sulle energie rinnovabili (Decreto Fer1) sono stati stanziati 900 milioni di euro dedicati ad incentivare l’uso di fonti di energia rinnovabili. In particolare,

Ambiente

Conto Termico per le Scuole

Gli incentivi per l’efficientamento energetico, previsti dal decreto ministeriale del 16/02/2016 entrati in vigore ufficialmente il 31 maggio sono disponibili non solo per le unità abitative private ma anche per

Ambiente

ReBUILD: La vocazione “green” del Trentino Alto Adige

La fiera dedicata all’edilizia verde ReBUILD che si è tenuta in questi giorni al Palacongressi di Riva del Garda è stata l’occasione di presentare l’evoluzione del Trentino Alto Adige verso