180 milioni alle Regioni per eliminare le barriere architettoniche

180 milioni alle Regioni per eliminare le barriere architettoniche

La proposta del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, riguardante la possibilità di aprire un fondo governativo a supporto dell’eliminazione delle barriere architettoniche negli edifici privati, ha ottenuto il parere positivo della Conferenza Unificata. Si tratta di 180 milioni di euro che verranno corrisposti alle Regioni italiane affinché possano collaborare con i Comuni del territorio per supportare la nuova misura edilizia.

Il fondo è inserito nel rifinanziamento della legge n. 13 del 9 gennaio 1989, che tratta proprio le disposizioni per favorire l’eliminazione delle barriere architettoniche nell’edilizia privata: una legge che ormai non veniva rifinanziata da oltre quindici anni. Il decreto è in via di pubblicazione, una volta pubblicato sul sito del Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti sarà operativo dopo quindici giorni.

Previous Rapporto BIM 2017
Next Bonifica Amianto: nuovi finanziamenti dal Ministero dell’Ambiente

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Bandi

Proroga del bando sulle case cantoniere Anas

Sulla Gazzetta Ufficiale del 12 ottobre sono stati prorogati i termini del bando indetto da Anas per la gestione di trenta case cantoniere di proprietà dell’ente, da utilizzare per scopi

Bandi

Concorso di idee per #ScuoleInnovative

La legge “Buona Scuola” ha previsto dei fondi pari a 350 milioni di euro e proprio nell’ottica di questi fondi arriva l’annuncio, da parte del Ministero dell’Istruzione, del concorso di

Bandi

Maxibando da Eni

Il gruppo Eni ha pubblicato un bando relativo all’ingegneria ambientale per le nuove opere e per i lavori di risanamento su opere già esistenti per un investimento totale di 20,2