Appalti: maggio in ripresa fa risalire il settore

Appalti: maggio in ripresa fa risalire il settore

Dopo i primi mesi del 2017 piuttosto negativi in termini di crescita, soprattutto per gli stalli e i problemi sorti con l’applicazione del nuovo Codice Appalti, finalmente a maggio sono stati registrati buoni segnali di ripresa e un trend positivo. Secondo i dati Cresme, da gennaio a maggio il settore, trainato soprattutto negli appalti pubblici riguardanti Comuni, ferrovie e sanità, ha avuto percentuali di crescita rassicuranti pari al 2,3%. Sembra dunque esser stato superato il blocco e le incertezze dovute al corretto recepimento delle nuove norme a carico delle stazioni appaltanti.

Tradotto in cifre, la crescita è stata di 6,9 miliardi di euro, un netto aumento delle gare d’appalto che ha promosso, solo nel mese appena trascorso, 1.597 gare, con una crescita annuale del 65,5% se si prende come riferimento il mese di maggio dello scorso anno. Il bando con un importo maggiore nel mese di maggio è stato lanciato da Cociv per realizzazione di opere civili e di linea, per un totale complessivo di  216.267.327 euro.

Previous Bologna: Convegno sull’involucro sostenibile
Next Regione Sardegna: 3 milioni per aree minerarie dismesse

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Appalti

Salta l’attesa Riforma del Codice Appalti

La riforma del Codice Appalti, più volte annunciata dal Governo, è arrivata al tavolo del Consiglio dei Ministri molto più “snella” del previsto. Infatti degli oltre 28 articoli di riforma

Appalti

Sbloccascuole: nuovi appalti in edilizia scolastica

Le scuole italiane sono da sempre un punto critico del nostro Paese, la maggior parte di loro si rivela non idonea in termini di sicurezza o risparmio energetico. Per contrastare

Appalti

Obbligo del DGUE elettronico

Dal 18 ottobre, secondo quando già previsto nel Codice dei contratti pubblici, il Documento di gara unico europeo (DGUE) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Fino all’entrata in