Obbligo del DGUE elettronico

Obbligo del DGUE elettronico

Dal 18 ottobre, secondo quando già previsto nel Codice dei contratti pubblici, il Documento di gara unico europeo (DGUE) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Fino all’entrata in vigore dell’obbligo infatti le stazioni appaltanti potevano accettare la documentazione con un modello autocertificativo, da parte dei concorrenti alle gare d’appalto, anche su supporti come chiavette USB o CD da allegare alla busta con l’offerta.

Il nuovo obbligo è stato inserito per snellire la burocrazia e il lavoro a carico delle pubbliche amministrazioni in tema di appalti pubblici, e prevede che le PA si dotino di un proprio servizio di gestione del DGUE, o ricorrere a sistemi di gestione automatica del documento di gara, che dovrà essere compilato dalla stazione appaltante nella prima parte, così come già avveniva nei modelli cartacei. Il documento elettronico dovrà contenere per esteso l’indirizzo web in cui è possibile per chi partecipa alla gara trovare il servizio per la compilazione e le modalità di trasmissione telematica del modello DGUE.

Il DGUE entra in vigore in Italia e risponde agli obblighi imposti dalla Direttiva 2014/24/UE, che imponeva agli Stati membri il recepimento della disciplina entro il 18 aprile del 2018, termine slittato in Italia al 18 ottobre.

Previous Smart Building Levante. Progettare e costruire è smart
Next Sismabonus: asseverazione del tecnico prima dell’inizio dei lavori

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Appalti

Sbloccascuole: nuovi appalti in edilizia scolastica

Le scuole italiane sono da sempre un punto critico del nostro Paese, la maggior parte di loro si rivela non idonea in termini di sicurezza o risparmio energetico. Per contrastare

Appalti

Proposta Oice per grandi appalti pubblici

L’Oice, che rappresenta le organizzazioni di Ingegneria, Architettura e di Consulenza nel settore delle costruzioni ha proposto alle pubbliche amministrazioni, nell’ambito delle consultazioni del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture,

Appalti

Salta l’attesa Riforma del Codice Appalti

La riforma del Codice Appalti, più volte annunciata dal Governo, è arrivata al tavolo del Consiglio dei Ministri molto più “snella” del previsto. Infatti degli oltre 28 articoli di riforma