Nuovo Codice Appalti
2177 Views

Nuovo Codice Appalti

Correttivo Codice Appalti: no all’appalto integrato

Il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, nel suo intervento all’ottava Commissione Ambiente ha chiarito molti punti riguardanti il prossimo correttivo del Nuovo Codice Appalti. Le basi fondanti del nuovo codice, pur criticate da diversi ordini professionali e associazioni di categoria, sarà tenuto saldo anche dopo i possibili emendamenti. Il no all’appalto integrato, previsto invece dalle Normative Europee, sarà mantenuto e l’unica eccezione sarà riservata ai lavori di ricostruzione post-sismica, che sono inseriti nella categoria di urgenza e quindi seguono regole differenti dal resto degli appalti.

Per evitare che si aggiri il divieto è stato ulteriormente alzata la soglia del contraente generale. Il correttivo al D.Lgs. 50/2016 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri lo scorso 23 febbraio e ora è al vaglio al Parlamento per ottenere i pareri istituzionali, che dovranno arrivare entro 30 giorni da quando è stato depositato alla Camere. Il Decreto Correttivo apporta 245 correzioni al Nuovo Codice Appalti di cui nessuna strutturale.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Appalti

Appalti: maggio in ripresa fa risalire il settore

Dopo i primi mesi del 2017 piuttosto negativi in termini di crescita, soprattutto per gli stalli e i problemi sorti con l’applicazione del nuovo Codice Appalti, finalmente a maggio sono

Appalti

Sbloccascuole: nuovi appalti in edilizia scolastica

Le scuole italiane sono da sempre un punto critico del nostro Paese, la maggior parte di loro si rivela non idonea in termini di sicurezza o risparmio energetico. Per contrastare

Appalti

Obbligo del DGUE elettronico

Dal 18 ottobre, secondo quando già previsto nel Codice dei contratti pubblici, il Documento di gara unico europeo (DGUE) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Fino all’entrata in