Salta l’attesa Riforma del Codice Appalti

Salta l’attesa Riforma del Codice Appalti

La riforma del Codice Appalti, più volte annunciata dal Governo, è arrivata al tavolo del Consiglio dei Ministri molto più “snella” del previsto. Infatti degli oltre 28 articoli di riforma previsti nella bozza che circolava in questi giorni fra gli addetti ai lavori, ne sono rimasti solo dieci. Il decreto delle Semplificazioni, secondo molti operatori contiene in realtà dei punti che portano il Codice Appalti a fare un passo indietro rispetto al passato, come per esempio la reintroduzione dell’incentivo alla progettazione svolta dai tecnici che siano anche dipendenti pubblici, o la possibilità di affidare i lavori di importo inferiore alle soglie comunitarie (ovvero 5.548.000 euro) sulla base del progetto definitivo.

Anche secondo il presidente dell’Ance, Gabriele Buia, il nuovo Decreto Legislativo è deludende sul piano della volontà di un rilancio efficace dell’economia nazionale, e non sblocca affatto tutte le procedure per cominciare le opere pubbliche utili per aumentare il piano di sicurezza nel nostro Paese (le così dette norme “sblocca cantieri”). Il gap infrastrutturale dell’Italia, sempre secondo Buia, è di ben 84 miliardi di euro che servirebbero a mettere in sicurezza ed effettuare manutenzione sul territorio.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 615 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Appalti

Sbloccascuole: nuovi appalti in edilizia scolastica

Le scuole italiane sono da sempre un punto critico del nostro Paese, la maggior parte di loro si rivela non idonea in termini di sicurezza o risparmio energetico. Per contrastare

Appalti

Obbligo del DGUE elettronico

Dal 18 ottobre, secondo quando già previsto nel Codice dei contratti pubblici, il Documento di gara unico europeo (DGUE) dovrà essere reso disponibile esclusivamente in forma elettronica. Fino all’entrata in

Appalti

Appalti: maggio in ripresa fa risalire il settore

Dopo i primi mesi del 2017 piuttosto negativi in termini di crescita, soprattutto per gli stalli e i problemi sorti con l’applicazione del nuovo Codice Appalti, finalmente a maggio sono