Nuova bozza Normativa Anticendio

Nuova bozza Normativa Anticendio

La nuova normativa antincendio, che dovrebbe superare l’attuale Testo Unico sulla sicurezza risalente a ormai dieci anni fa, è in questi giorni al vaglio del Comitato centrale tecnico scientifico per la prevenzione incendi (Ccts) del Corpo nazionale dei Vigili del Fuoco, organismo addetto proprio all’aggiornamento delle normative riguardanti l’antincendio. In particolare, saranno modificati gli articoli relativi a criteri per la progettazione antincendio e gestione dell’emergenza nei luoghi di lavoro.

La bozza del decreto dunque stabilisce quali siano i criteri che vanno seguiti per valutare il rischio incendio nei luoghi di lavoro e le misure preventive da adottare per ridurre in maniera significativa il rischio di inneschi e le misure protettive da adottare nel caso in cui si verifichi un incendio, affinché possano essere protetti in maniera adatta beni e persone. Verranno inoltre rivisti i criteri per la formazione, in particolare saranno definiti nel dettaglio i requisiti e i titoli che dovranno possedere i formatori degli addetti al servizio antincendio e la periodicità dell’aggiornamento professionale degli stessi addetti antincendio, che dovrà essere almeno quinquennale.

Previous Nuove regole per le procedure negoziate
Next Bozza Ecobonus: tagli a infissi e domotica

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Esonero compilazioni AdE per ristrutturazioni condominiali

Con la risoluzione n. 67 del 20 settembre 2018 l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che gli amministratori condominiali non sono più obbligati alla compilazione dei quadri AC (per quanto riguarda

Attualità

Ristrutturazioni: quando non serve la comunicazione all’ENEA

Per quanto riguarda le ristrutturazioni che comportano la modifica di impianti o elementi costruttivi per il risparmio energetico, è sempre obbligatorio inviare telematicamente all’ENEA (l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie,

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni