Malfunzionamenti per il PortalTermico GSE
2461 Views

Malfunzionamenti per il PortalTermico GSE

Segnalazioni multiple e continue da parte di cittadini che non riescono a utilizzare il PortalTermico dedicato alla richiesta di incentivi per il conto termico stanno diventando un problema per il Gestore dei Servizi Energetici nazionali. Il malfunzionamento della parte telematica e interattiva del portale sta mandando nel pallone molti cittadini, preda di continui blocchi ed errori nel sistema. Pur facendo uno screenshot del lungo codice di errore spesso restituito dal sistema durante la compilazione del form, gli uffici GSE non rispondono con tempestività né sembrano capaci di trovare una soluzione efficace al problema.

Non serve né eliminare la cronologia di navigazione e i cookies, né cambiare browser come spesso suggeriva il servizio di assistenza di PortalTermico: il problema persiste e fa sprecare un sacco di tempo a chi con pazienza si accinge a compilare la sua domanda per la richiesta di incentivo. Questo fa sì che la maggior parte dei cittadini abbiano una percezione negativa del conto termico, che scoraggia i cittadini dall’invio della domanda. Per fare un esempio, dei 700 milioni disponibili nel fondo per il conto termico, ne sono stati finora utilizzati solo 71 milioni. Lo stesso è accaduto anche nel 2017, in cui gli incentivi richiesti si sono fermati a 73,7 milioni di euro.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Al via il decreto sull’edilizia libera

Nella Gazzetta Ufficiale del 7 aprile è stato presentato il Decreto Ministeriale 2 marzo 2018 riferito all’elenco delle opere edilizie che è possibile realizzare in regime di attività edilizia libera,

News

Economia: a rischio le pensioni con il tfr in busta paga

Pur promuovendo la manovra, Bankitalia avverte che esistono dei rischi dovuti al Tfr in busta paga: in futuro, i lavoratori che aderiscono all’iniziativa, potrebbero ricevere pensioni non adeguate: Di conseguenza

News

Gli accertamenti fiscali anche senza gravi indizi di evasione

L’Agenzia delle Entrate, secondo una recente ordinanza della Corte di Cassazione (la n. 8266 del 2018), può procedere con accertamenti bancari e verifiche sul conto corrente bancario di un professionista