Dal Cipe nuovi fondi per il dissesto idrogeologico

Dal Cipe nuovi fondi per il dissesto idrogeologico

Il Comitato interministeriale per la programmazione economica ha recentemente approvato un piano integrato per migliorare la situazione del dissesto idrogeologico nel nord e nel centro Italia. Gli interventi, valutati insieme ai rappresentanti delle Regioni, sono stati valutati con un fondo pari a 1 miliardo di euro che verranno coperti grazie al Fondo Investimenti della Legge di Bilancio 2017. Il piano è inserito negli interventi #Italiasicura, così come è stato per le opere di progettazione delle aree metropolitane nel 2015.

Sono già stati individuati e inseriti nel piano contro il dissesto idrogeologico ben 489 interventi in diverse Regioni del centro-nord con cui si dovrebbe intervenire per prevenire frane e valanghe nelle località montane e bloccare l’erosione delle coste e i danni provocati dalle alluvioni anche grazie a interventi ad alta tecnologia come dei sensori per rilevare il livello di guardia degli argini in fiumi e corsi d’acqua a rischio.  Un piano che prevede in totale una spesa effettiva nei cantieri impiegati per i lavori contro il dissesto idrogeologico pari a 250 milioni di euro in due anni, dal 2018 al 2020.

Previous Bando antisismica scuole
Next Approvato il cumulo delle pensioni con accordo Casse-Inps

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Nuove norme sulla pulizia delle canne fumarie

Il Comitato Termotecnico Italiano ha reso pubbliche le linee guida che riguardano la pulizia delle canne fumarie, attraverso la norma UNI 10847:2017. Il documento riguarda in particolare le canne fumarie

Ambiente

Reato su vincolo paesaggistico solo se le modifiche superano il 30%

La Corte di Cassazione, con la sentenza n.7243/2019, ha messo in chiaro che l’ipotesi di reato sulla violazione di un limite imposto dal vincolo paesaggistico vigente è da considerarsi valida

Ambiente

Multa UE all’Italia per le acque reflue

L’ultima stangata l’Italia l’ha ricevuta in questi giorni per il mancato rispetto delle normative europee riguardanti la gestione delle acque reflue. La multa per il momento ammonta a una cifra