0 1519 Views

Approvato il cumulo delle pensioni con accordo Casse-Inps

L’accordo fra l’ente previdenziale nazionale e le Casse professionali ha finalmente sciolto tutti i nodi presenti sulla questione del cumulo delle pensioni, con uno schema di convenzione siglato lo scorso 28 marzo che promette il pagamento degli assegni e delle pensioni interessate fin dai primi di aprile. Dopo la verifica delle esigenze degli aventi diritto, l’AdEPP valuterà tutte le pratiche arrivate all’Ente per poter sbloccare tutti i pagamenti nelle quantità e nei tempi dovuti.

Le Casse dei professionisti, come si può leggere nell’accordo con l’Inps, si faranno carico non solo del processo amministrativo e degli oneri economici che questo comporta ma anche di gran parte delle commissioni bancarie dovuto per questa tipologia di operazione. Un accordo che ha dovuto superare molteplici modifiche prima di vedere la luce e che riguarda fin’ora ottomila pensionati che già avevano fatto richiesta di pensione in cumulo.

Previous Dal Cipe nuovi fondi per il dissesto idrogeologico
Next Expo Edile a Macerata

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

News

Incentivi per il Mezzogiorno

È stato pubblicato in questi giorni nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale n. 174 del 2017 dedicato agli imprenditori del Mezzogiorno. “Resto al Sud” è stato creato per agevolare startup

News

Smart road e BIM

Con il decreto ministeriale del 28 febbraio 2018, che attua la nuova Legge di Bilancio, si è prestata maggior attenzione alla nuova tecnologia delle smart road, ovvero le strade tecnologicamente

News

Gli accertamenti fiscali anche senza gravi indizi di evasione

L’Agenzia delle Entrate, secondo una recente ordinanza della Corte di Cassazione (la n. 8266 del 2018), può procedere con accertamenti bancari e verifiche sul conto corrente bancario di un professionista