Expo Edile a Macerata

Expo Edile a Macerata

Dal 20 al 22 aprile è in programma l’annuale appuntamento con la fiera Expo Edile a Macerata. Il  il Salone della Ristrutturazione, Recupero e Riqualificazione si terrà nella cornice, ormai consolidata, del Centro Fiere di Villa Potenza. Il focus di quest’anno è incentrato sulla ricostruzione post sisma, sulle nuove progettazioni e sull’uso dei materiali che possono garantire maggiore sicurezza contro eventi sismici e smottamenti.

Oltre all’esposizione di aziende e realtà che si occupano del settore, sono previsti workshop e incontri sulla nuova normativa antisismica nazionale e sui nuovi materiali che assicurano resistenza alle sollecitazioni sismiche. La fiera seguirà orario continuato dalle 9:30 del mattino fino alle 19. Per maggiori informazioni e per l’acquisto dei biglietti è possibile andare sul sito ufficiale dell’evento alla pagina www.expoedile.it. I professionisti e gli addetti ai lavori potranno scaricare sconti e omaggi direttamente sul sito.

 

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 622 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Eventi

Progetto Energicamente di Legambiente e Estra

Il gruppo multiutility Estra e Legambiente si sono uniti per la realizzazione di un progetto ecologico e smart living, il cui percorso nasce online ma continua nelle scuole che vogliano

Eventi

Bologna: Convegno sull’involucro sostenibile

Il 22 giugno allo Zan Hotel di Bologna si terrà un convegno sulle tematiche dell’efficientamento degli edifici, dei nuovi materiali e delle nuove tecnologie disponibili nel mercato delle costruzioni. Interverranno

Eventi

Tirana: Evoked, mostra itinerante sull’abusivismo edilizio

Il 22 febbraio parte a Tirana un’interessante mostra itinerante organizzata e curata da un gruppo di 32 architetti italiani e albanesi che si focalizza sull’abusivismo edilizio, e sulle sue conseguenze