0 1568 Views

Il 17,3% dei consumi in Italia viene da fonti rinnovabili

Buone notizie per l’energia verde e pulita: nell’anno 2016 trascorso infatti il 17,3% del fabbisogno nazionale di energia è stato coperto da impianti da fonti rinnovabili. Questo significa che ogni 10 kW orari consumati, 2 provengono da fonti rinnovabili, che evitano emissioni dannose di CO2 pari a 73 milioni di tonnellate. Questo significa che il nostro Paese è in linea con gli impegni presi con l’Europa per il traguardo delle Emissioni Zero 2020.

I dati sono stati presentati alla stampa dal GSE nel Rapporto Statistico 2016, in cui si dice anche che la percentuale di produzione elettrica nazionale coperta dalle fonti di energia rinnovabile è arrivata oltre il 37%, con ben 742 mila impianti attivi sul territorio. La fonte di energia rinnovabile più utilizzata è l’idroelettrico con il 39% di copertura se si prendono in considerazione le sole fonti di energia rinnovabile. A seguire ci sono il fotovoltaico con una percentuale del 20%, le bioenergie con il 18% e l’eolico con il 16%, che si rivela tuttavia la fonte rinnovabile con una maggior crescita nell’anno di riferimento.

Previous Agenda per la Semplificazione anni 2018-2020
Next Fiera Abitare Oggi

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Ambiente

Sicilia: bloccata la sanatoria per gli edifici sulla costa

La sanatoria che avrebbe permesso ai proprietari di edifici e abitazioni poste a meno di 150 metri dalla costa non s’ha da fare, così riferisce Giovanni Ardizzone, presidente dell’Assemblea Regionale.

Ambiente

Nuovo Regolamento sull’Autorizzazione Paesaggistica: interventi esclusi

Grandi novità nel campo degli interventi semplificati, ovvero tutti i lavori che non necessitano di autorizzazione preventiva da parte della pubblica amministrazione, o che necessitano di autorizzazione semplificata rispetto a

Ambiente

Approvata l’autorizzazione paesaggistica semplificata

Già annunciata nei giorni scorsi, è finalmente entrato in vigore e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale il nuovo regolamento sull’autorizzazione paesaggistica semplificata, che contiene, oltre ai casi idonei alla semplificazione burocratica,