Incentivi per il Mezzogiorno

Incentivi per il Mezzogiorno

È stato pubblicato in questi giorni nella Gazzetta Ufficiale il decreto ministeriale n. 174 del 2017 dedicato agli imprenditori del Mezzogiorno. “Resto al Sud” è stato creato per agevolare startup e nuovi progetti imprenditoriali per giovani fino ai 35 anni di età. Le risorse stanziate ammontano a 1,25 milioni di euro, che saranno erogati dall’agenzia Invitalia, con tetti massimi che vanno dai 50mila euro per i singoli imprenditori fino ai 200mila euro disponibili per le società.

I fondi sono disponibili non solo per chi già risiede nel Mezzogiorno, ma anche per chi si trasferisce nelle regioni del Sud Italia entro 60 giorni dalla presentazione della domanda. La data ufficiale di apertura del bando è il 15 gennaio 2018, quando gli imprenditori potranno cominciare a inviare le domande di finanziamento. Sono comprese nelle spese ammissibili anche le opere edili che siano connesse con l’apertura dell’attività, fino a un massimo di spese rimborsabili pari al 30%. Le domande potranno essere inoltrate per via telematica sul sito Invitalia, all’indirizzo www.invitalia.it.

Previous Entra il vigore il decreto fiscale sull’edilizia
Next In crescita i “tetti verdi”

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

News

Nuove norme antincendio 2015

Il 18 novembre 2015 entreranno in vigore le nuove norme in materia di progettazione antincendio (Decreto 3 agosto 2015). Nell’elenco allegato al Dpr 151/2011 è possibile ricercare le attività (solo

News

Costituzione: renzi si apre al dialogo con la minoranaza pd

Il Premier Matteo Renzi invita la minoranza Pd a non dare un out out e concede ancora qualche giorno a senatori e deputati per trovare un accordo che consenta di

News

Gli accertamenti fiscali anche senza gravi indizi di evasione

L’Agenzia delle Entrate, secondo una recente ordinanza della Corte di Cassazione (la n. 8266 del 2018), può procedere con accertamenti bancari e verifiche sul conto corrente bancario di un professionista