0 1419 Views

Progetto FondAzione Scuola

Dal prossimo 4 dicembre si potrà accedere a un fondo rotativo corrispondente a 2 milioni di euro, atti ad anticipare i costi per progetti di edilizia scolastica carico degli enti locali. L’intesa fra Inarcassa e Miur si fonda sul finanziamento e su fondi di garanzia agli enti locali che scelgono di affidare progettazione e lavori riguardanti la sicurezza nelle scuole a liberi professionisti iscritti Inarcassa.

Il fondo di due milioni di euro dedicato al progetto FondAzione Scuola sarà disponibile per tutte le regioni italiane, entro le quali verrà ripartito equamente e non a seconda dei progetti presentati. I progetti possono essere finanziati per un tetto massimo di 50 mila euro ciascuno e prevedono lavori di costruzione, ristrutturazione, efficientamento energetico o messa in sicurezza antisismica. Procedura di affidamento e trasparenza sui costi da sostenere saranno verificati da una commissione professionale interna a Inarcassa.

Previous Sbloccati nuovi fondi per la sicurezza scolastica
Next Legambiente e il Monitoraggio “Ecosistema Rischio”

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

News

Entra il vigore il decreto fiscale sull’edilizia

La Manovra Finanziaria 2018, contenente molte importanti novità riferite al settore edile e delle costuzioni, è entrato in vigore lo scorso 6 dicembre con la pubblicazione in Gazzatta Ufficiale. Fra

News

Sbloccati nuovi fondi per la sicurezza scolastica

Lo scorso 22 novembre si è tenuta in tutte le scuole italiana la terza Giornata nazionale sulla sicurezza nelle scuole. Proprio in questa occasione il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli, in

News

Assistenza sanitaria ue: italiani, meno informati in europa

Gli italiani non lo sanno: in caso di cure ricevute in uno dei paesi dell’Unione Europea, si ha diritto a un rimborso da parte del proprio servizio sanitario. Gli aventi