Sbloccati nuovi fondi per la sicurezza scolastica

Sbloccati nuovi fondi per la sicurezza scolastica

Lo scorso 22 novembre si è tenuta in tutte le scuole italiana la terza Giornata nazionale sulla sicurezza nelle scuole. Proprio in questa occasione il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli, in un intervento durante un convegno nella capitale, ha firmato un protocollo d’intesa per lo sblocco di un fondo pari a un milione e 700 mila euro da destinare ai comuni italiani per adeguare le scuole alle nuove leggi e norme antisismiche e sulla sicurezza degli edifici.

Il protocollo d’intesa per gli investimenti sulla sicurezza scolastica previsti nel biennio 2018-2020 è stato firmato con la Banca Europea per gli Investimenti (Bei) e con la Cassa depositi e prestiti. Durante la Giornata nazionale sulla sicurezza nelle scuole sono stati presentati anche i 51 progetti che hanno superato le selezioni per il concorso Scuola Innovativa, istituito dal ministero nei mesi scorsi. I progetti totali presentati per l’iniziativa sono stati oltre milleduecento, un traguardo importante che lascia intuire che l’argomento sicurezza sia fondamentale e molto sentito anche fra le nuove generazioni.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 615 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Assistenza sanitaria ue: italiani, meno informati in europa

Gli italiani non lo sanno: in caso di cure ricevute in uno dei paesi dell’Unione Europea, si ha diritto a un rimborso da parte del proprio servizio sanitario. Gli aventi

News

Detrazioni e bonus nel 730

La circolare 7/2018 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 27 aprile nel sito ufficiale dell’ente è un utile vademecum per capire in che misura e in che modo si possa usufruire

News

Ordine degli ingegneri contro lo schema di decreto sui collaudi

Appena dopo l’Ordine degli Architetti, anche l’Ordine degli Ingegneri esprime perplessità e il suo parere negativo sullo schema attuativo del decreto legislativo n. 50 del 2016 che riguarda in particolare