Ordine archietti: premio rigenerazione urbana entro 22 settembre

Ordine archietti: premio rigenerazione urbana entro 22 settembre

Il Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori ha bandito un concorso, promosso da SAIE, (Salone internazionale dell’Innovazione Edilizia) ANCE (Associazione Nazionale Costruttori Edili) e Legambiente, a cui sarà possibile partecipare fino al 22 settembre.

Il premio Ri.u.so è rivolto a studenti (per tesi di laurea e master), architetti e ingegneri, enti, fondazioni, pubbliche amministrazioni.

L’obiettivo è quello di selezionare i progetti più innovativi in materia di rigenerazione urbana sostenibile, ovvero di riqualificazione architettonica e funzionale di spazi urbani, di riciclo dei materiali all’interno di processi edilizi, del contenimento del consumo di suolo, del recupero di aree industriali in condizioni di degrado, della valorizzazione del patrimonio edilizio esistente.

La premiazione avverrà ad ottobre in occasione di Saie Smart House 2015.

Tutte le informazioni su: http://concorsi.awn.it/riuso/04/home.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 522 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Aziende: Formazione per addetti primo soccorso

Nei luoghi di lavoro è fondamentale, anche in base alla legge, avere uno o più addetti al primo soccorso: ciò significa che alcuni dipendenti dovranno essere formati per poter eseguire

News

Externa Expo

Nell’area fieristica di Lecce (Piazza Palio) torna Externa Expo, la manifestazione tematica dedicata all’arredo da esterni e ai giardini che arriva quest’anno alla sua nona edizione. Dal 28 aprile al

News

Post-sisma: nuovo limite per professionisti

Se subito dopo il sisma che ha colpito l’Italia centrale nel 2016 il limite per incarichi contemporanei che possono essere affidati allo stesso professionista aveva un tetto piuttosto esiguo, con