Economia: a rischio le pensioni con il tfr in busta paga

Economia: a rischio le pensioni con il tfr in busta paga

Pur promuovendo la manovra, Bankitalia avverte che esistono dei rischi dovuti al Tfr in busta paga: in futuro, i lavoratori che aderiscono all’iniziativa, potrebbero ricevere pensioni non adeguate: Di conseguenza è necessario che il provvedimento sia solo temporaneo.

Inoltre, anche se, da un lato, il ridimensionamento dell’Irap permette di ridurre il costo del lavoro, dall’altro ridimensiona il grado di autonomia delle Regioni, per cui il tributo è la principale fonte di finanziamento.

Il vice direttore generale di Bankitalia sostiene che la manovra porterà una riduzione del cuneo fiscale e che finanzierà importanti riforme nel campo dell’istruzione scolastica e del mercato del lavoro.

La Corte dei Conti, in audizione sulla manovra, ritiene che ci sia il rischio per regioni ed enti locali di essere costretti a compensare la riduzione dei trasferimenti, causata dalla legge di stabilità, con conseguente aumento dell’impostazione decentrata. Si fa notare anche che il testo iniziale presentato al Parlamento prevedeva interventi per 36,2 miliardi nel primo anno che, a seguito della trattativa con l’UE, sono stati ridotti a 32,4 miliardi nel 2015.

Secondo il Ministero dell’Economia, nei primi dieci mesi dell’anno, si è registrata una riduzione di 11,3 miliardi nel fabbisogno statale: si è scesi dagli 88,4 miliardi del 2013 ai 77,1 miliardi del periodo gennaio-ottobre di quest’anno. Nel mese di ottobre, il fabbisogno statale si è attestato a 8,5 miliardi; somma inferiore rispetto ai 12 miliardi e 65 milioni dell’ottobre 2013. Confrontando questi dati viene chiarito che nel 2013 era stato effettuato un pagamento di 2.800 milioni per la sottoscrizione del capitale ESM (European Stability Mechanism). Inoltre, c’è stato il pagamento di maggiori interessi sul debito pubblico a causa di un cambiamento nella calendarizzazione dei titoli. Da tener presenti, anche i maggiori prelievi fatti dai conti di tesoreria per circa 1 miliardo, legati anche all’applicazione della normativa sull’accelerazione del pagamento dei debiti pregressi della pubblica amministrazione. D’altro canto, migliorano gli incassi fiscali, a seguito del pagamento del tributo comunale per i servizi indivisibili (TASI), il cui gettito confluisce nei conti di tesoreria.

In linea con le stime del governo, l’Istat prevede un calo del Pil dello 0,3%. Per il 2015 si prevede un aumento dello 0,5% a cui dovrebbe seguire un rialzo dell’1% nel 2016.

La manovra avrà un impatto solo relativamente positivo nel 2014, ma un effetto cumulativo netto nullo nel biennio successivo, a seguito del bilanciamento tra la spinta del bonus di 80 euro e gli effetti negativi della clausola di salvaguardia, con eventuale aumento dell’iva.

Dopo una contrazione durata tre anni, nel 2014 la spesa delle famiglie aumenterà dello 0,3%, probabilmente a causa di una riduzione della propensione al risparmio.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 538 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

2015: confermato il ribasso del prezzo delle case

Secondo l’Istat, il 2015 si apre con la conferma della tendenza al ribasso, in atto da più di tre anni, dei prezzi delle abitazioni. Nel primo trimestre 2015, infatti, l’indice

News

Sbloccati nuovi fondi per la sicurezza scolastica

Lo scorso 22 novembre si è tenuta in tutte le scuole italiana la terza Giornata nazionale sulla sicurezza nelle scuole. Proprio in questa occasione il ministro dell’istruzione Valeria Fedeli, in

News

SMAU: Fiera Tecnologica a Napoli

Il 14 e il 15 dicembre torna a Napoli SMAU, presso il padiglione 6 della Mostra d’Oltremare: una delle fiere più importanti nel settore delle nuove tecnologie a servizio dei