Novità per il catasto rurale

Novità per il catasto rurale

Attualmente gli immobili rurali sono censiti al Catasto terreni, tuttavia i fabbricati rurali dovrebbero avere un catasto specifico, ovvero il Catasto dei fabbricati rurali. Per questo motivo l’Unione Nazionale Comuni Comunità Enti Montani e l’Agenzia del Catasto hanno proposto un censimento dei fabbricati situati in zone rurali. In questo modo si otterrebbe una banca dati più specifica e riservata ai fabbricati costruiti su tutto il territorio nazionale.
Il catasto sarà obbligatorio per fabbricati che abbiamo determinate caratteristiche, ovvero autonomia funzionale e reddituale. Gli immobili invece in corso di costruzione, o al contrario in totale abbandono, quelli con superficie coperta inferiore agli 8 metri quadri, i ricoveri per animali e i manufatti precari privi di fondazioni sono esclusi dall’obbligo. I fabbricati rurali non esenti da accatastamento che ancora non siano in regola rischiano una sanzione amministrativa pari a 1.032 euro, a meno che il proprietario non invii all’Agenzia l’atto di aggiornamento, pagando unicamente 172 euro per ravvedimento operoso.

Previous Ascoli Piceno: Convegno sul Sisma del 2016
Next Al via per Inarcassa il cumulo gratuito per i professionisti

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Normative

SCIA: Non è valido l’annullamento DIA presentato da un soggetto terzo

La riforma dell’edilizia, e in particolare il Decreto legislativo n. 222/2016 meglio noto come “SCIA 2” non chiariscono molti punti e situazioni particolari che si possono verificare nel campo degli

Normative

Nuova legge sul preventivo obbligatorio

Con il DDL Concorrenza, che ha visto recentemente la luce dopo ben 30 mesi di discussione alla Camera e al Senato, il nostro Paese ha per la prima volta una

Normative

I comunicati Anac sono considerati non vincolanti

Il Tar di Perugia, con la sentenza n. 428 del 31 maggio 2017, ha stabilito che le direttive contenute nei comunicati Anac devono essere considerate come pareri non vincolanti, ovvero