Esonero dalle tasse Anac per la Ricostruzione Post-Sisma

Esonero dalle tasse Anac per la Ricostruzione Post-Sisma

Il Dpcm del 28 settembre 2017 ha reso operativa la delibera Anac che prevede l’esonero, per il 2017 e per gli anni successivi, dal pagamento dovuto all’Autorità per l’affidamento dei lavori, dei servizi e delle forniture per quanto riguarda la ricostruzione pubblica o privata nei luoghi colpiti da eventi sismici negli anni 2016 e 2017. Sul sito dell’Anac è già disponibile un modello fac-simile per la richiesta dell’esonero, che dovrà essere compilata dal responsabile del procedimento incaricato e inviata via posta certificata all’indirizzo protocollo@pec.anticorruzione.it entro 15 giorni (solari, non lavorativi) dalla pubblicazione della procedura di appalto.

Una volta ricevuta la richiesta di esonero, l’Anac si impegna a cominciare le operazioni di esonero per la data di emissione del MAV relativo al quadrimestre in cui ha inizio la procedura. L’Anac ha anche il compito di vigilare sulla correttezza delle dichiarazioni pervenute, e l’esonero verrà applicato a partire dalle procedure pubblicate dal 28 settembre 2017 in avanti.16

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 541 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

News

Detrazioni e bonus nel 730

La circolare 7/2018 dell’Agenzia delle Entrate pubblicata il 27 aprile nel sito ufficiale dell’ente è un utile vademecum per capire in che misura e in che modo si possa usufruire

News

Dal 2018 nascono le lauree professionalizzanti

Il ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Franca Valeri, ha recentemente firmato il decreto che consente alle Università italiane di attivare dei percorsi di studi professionalizzanti, da portare avanti a

News

Progetto FondAzione Scuola

Dal prossimo 4 dicembre si potrà accedere a un fondo rotativo corrispondente a 2 milioni di euro, atti ad anticipare i costi per progetti di edilizia scolastica carico degli enti