L’edilizia nel nuovo Decreto Fiscale 2018
1382 Views

L’edilizia nel nuovo Decreto Fiscale 2018

Il Governo ha recentemente approvato il nuovo Decreto Fiscale che andrà a integrare la Legge di Bilancio 2018. Fra le novità più importanti nel campo dell’edilizia, oltre alle nuove regole per il Sismabonus e per l’Ecobonus, confermati entrambi, saranno garantiti nuovi fondi alle piccole e medie imprese e la sospensione degli obblighi fiscali per i recenti eventi alluvionali nella zona di Livorno.
In relazione ai bonus per la ristrutturazione della casa e la riqualificazione energetica, saranno ampliate le detrazioni anche agli interventi di verde urbano finanziate dai privati e al rifacimento delle facciate condominiali, con sgravi fiscali fino al 50% delle spese sostenute.
Anche le aziende delle regioni del Sud Italia potranno usufruire di un fondo dedicato pari a 150 milioni di euro: il d.l. 91/2017 ovvero le disposizioni urgenti per la crescita economica del Mezzogiorno offre un fondo di sostegno ai giovani imprenditori, fino a 35 anni di età, che decidono di aprire una nuova attività in regioni quali bruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

IVA: escluse dall’invio obbligatorio le liquidazioni a zero

L’Agenzia delle Entrate sta in questi giorni discutendo sulla possibilità di escludere dall’obbligo di comunicazione e di invio di dati fiscali le così dette liquidazioni a zero. La nuova norma

Normative

Termovalvole: obbligatorie dal 30 giugno 2017

L’adeguamento alla Direttiva europea sul risparmio energetico che impone l’installazione di termovalvole negli impianti centralizzati dei condomini slitta fino al 30 giugno 2017, entro cui tutti dovranno adeguarsi alla nuova

Normative

Pubblica Amministrazione, no all’assegnazione diretta per beni e servizi infungibili

Fra le prassi comuni utlizzate dalla pubblica amministrazione vi è quella di mettere in deroga la legge sugli appalti per beni e servizi così detti infungibili, come per esempio i