Lo Split Payment è legge

Lo Split Payment è legge

Il 27 giugno il Ministero dell’Economia ha reso ufficiale la legge sullo Split Payment con Decreto Legislativo n. 50/2017, allegando al documento l’elenco di Pubbliche Amministrazioni ed Enti per i quali i professionisti dovranno fatturare con scissione dell’IVA. In pratica lo Spit Payment prevede che le fatture rivolte alla Pubblica Amministrazione abbiano una voce con IVA separata, che verrà versata all’erario direttamente dall’ente pubblico e non più dal professionista che emette fattura, che incasserà solo il dovuto al netto dell’IVA prevista per il prodotto o servizio offerto al committente.

L’elenco delle pubbliche amministrazioni e degli enti coinvolti nel meccanismo dello Split Payment è disponibile anche online, sul sito ufficiale del Dipartimento delle Finanze (www.finanze.it) e la legge è applicata già dal primo luglio per le nuove fatture emesse. Anche le società miste, ovvero controllate da enti pubblici, saranno inserite nell’elenco, che verrà aggiornato ogni anno dal Ministero dell’Economia entro il 20 ottobre.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 538 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Casa Italia, il piano per la sicurezza e l’edilizia

Dopo gli ultimi tragici avvenimenti e la devastazione dei territori colpiti dal terremoto il 24 agosto, l’Italia comincia a interrogarsi sulla necessità di migliorare la sicurezza, soprattutto nelle zone sismiche.

Attualità

Certificato Protezione Incendi. Come ottenerlo.

La nuova certificazione per la protezione incendi è utile a inquadrare un edificio come perfettamente sicuro in base alla vigenti norme di sicurezza e deve essere rilasciato per le attività

Attualità

Riforma Madia e conferenza di servizi

Entrerà in vigore il 28 luglio il decreto legislativo n. 127 del 30 giugno 2016, che fa parte del corpus della così detta Riforma Madia. Il testo, pubblicato nella Gazzetta