Lo Split Payment è legge

Lo Split Payment è legge

Il 27 giugno il Ministero dell’Economia ha reso ufficiale la legge sullo Split Payment con Decreto Legislativo n. 50/2017, allegando al documento l’elenco di Pubbliche Amministrazioni ed Enti per i quali i professionisti dovranno fatturare con scissione dell’IVA. In pratica lo Spit Payment prevede che le fatture rivolte alla Pubblica Amministrazione abbiano una voce con IVA separata, che verrà versata all’erario direttamente dall’ente pubblico e non più dal professionista che emette fattura, che incasserà solo il dovuto al netto dell’IVA prevista per il prodotto o servizio offerto al committente.

L’elenco delle pubbliche amministrazioni e degli enti coinvolti nel meccanismo dello Split Payment è disponibile anche online, sul sito ufficiale del Dipartimento delle Finanze (www.finanze.it) e la legge è applicata già dal primo luglio per le nuove fatture emesse. Anche le società miste, ovvero controllate da enti pubblici, saranno inserite nell’elenco, che verrà aggiornato ogni anno dal Ministero dell’Economia entro il 20 ottobre.

Previous Un castello di ghiaia e cemento nato dall’idea di un umile postino nel lontano 1879
Next SCIA antincendio: nuove sanzioni

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Come richiedere il Nulla osta di Fattibilità

Il documento che si configura come N.o.f. , ovvero il nulla osta di fattibilità introdotto con il d.p.r n. 151/2011, è richiesto quando il progetto presentato sia di elevata complessità.

Attualità

Albo dei Periti Industriali: obbligo di laurea

A partire dal 2021 si potranno iscrivere all’albo nazionale dei Periti Industriali solo i professionisti che abbiano nel loro curriculum di studi almeno una laurea triennale, il motivo della scadenza

Attualità

Cassa Edile: al via il contributo di 35 euro per anzianità professionale

Dal mese di maggio è in vigore la nuova normativa che impone un minimale per anzianità professionale APE per chi lavora nel settore edile pari a 35 euro. L’accordo nazionale