Manovra estiva da 130 milioni a Milano

Manovra estiva da 130 milioni a Milano

Il Comune di Milano ha varato una manovra estiva da 130 milioni per aggiornamenti infrastrutturali che comprendono il finanziamento di bus elettrici, metropolitana e tramvie. Il trasporto pubblico è infatti uno dei punti centrali dell’amministrazione cittadina. I fondi sono stati ricavati da avanzi di bilancio negli anni precedenti, in particolare 45 milioni di avanzo di gestione relativo al 2016 e altri 85 milioni che invece arrivano dal Patto per Milano, che era stato firmato nel novembre del 2016 dal sindaco Giuseppe Sala e dall’ex-premier Matteo Renzi.

Dei fondi relativi al Patto per Milano, 10 milioni sono ancora liberi da vincoli e saranno molto probabilmente utilizzati per il recupero delle periferie urbane, con progetti di architettura verde e culturali che possano dare un nuovo volto alle aree della città più marginali. Per quanto riguardano invece i lavori sulle infrastrutture e i trasporti, è previsto il prolungamento della linea metro n. 5 verso Monza, il potenziamento delle linee n. 1 e 2 e l’acquisto di 42 autobus elettrici, per favorire il passaggio alla smart city. Importanti anche i lavori previsti per il dissesto idrogeologico nelle zone a ridosso dei fiumi Seveso e Lambro.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 606 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

Patto per Napoli: l’accordo fra il sindaco De Magistris e Renzi per edilizia e trasporti

Il premier Renzi e il primo cittadino della città partenopea De Magistris hanno firmato il 13 ottobre l’accordo “Patto per Napoli”, che prevede investimenti pari a 308 milioni di euro

Attualità

Attenzione a chi propone impianti ceduti gratuitamente

Il GSE mette in guardia i cittadini italiani sulle quote finanziabili e sui bonus relativi al conto termico. Non sono infatti ammessi degli incentivi per impianti ceduti gratuitamente. La quota

Attualità

In Sicilia il settore edile è in forte calo

Il primo semestre del 2016 rivela una situazione disastrosa per il settore edile in Sicilia. A dare l’allarme è la Direzione affari economici e Centro studi dell’Ance nazionale attraverso un