L’Umbria acquisterà case per gli sfollati

L’Umbria acquisterà case per gli sfollati

In un atto recentemente approvato dalla Regione Umbria e reso noto dal Presidente Catiuscia Marini si è approvato l’acquisto di case da assegnare agli sfollati e ai terremotati che abitano nelle zone rosse e proprietari o abitanti di edifici danneggiati dal recente sisma che ha colpito l’Italia centrale. Gli appartamenti sostituiranno gli alloggi di emergenza e saranno una misura alternativa all’assegnazione del piano Sae (Strutture Abitative di Emergenza).

Tutti i proprietari di immobili considerati immediatamente agibili o ristrutturabili per la messa in sicurezza entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dell’atto potranno portare in Regione una proposta di acquisto che verrà valutata. Le proposte devono essere presentate entro il 31 marzo tramite uno specifico modulo inserito nel portale della Regione Umbria nel settore Edilizia/Casa. Gli alloggi dovranno essere situati nei territori in cui è già previsto il piano Sae.

Previous Convegno: Sequenza sismica del Centro Italia 2016-2017.
Next Deducibili le spese per formazione professionale

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Il nuovo ponte Morandi sarà progettato da Renzo Piano

Gli ingegneri al lavoro sulla progettazione del nuovo ponte Morandi, che sostituirà la struttura dopo il tragico crollo dello scorso 14 agosto che è costato la vita a 43 persone,

Normative

Classificazione dell’abuso edilizio

Grazie alla sentenza n. 1484 del 30 marzo 2017 è possibile avere un quadro più chiaro degli abusi edilizi, e di quando un abuso debba essere considerato totale, sostanziale o

Attualità

Online il Portale del Servizio Geologico d’Italia

Il portale dell’ISPRA (istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale), ovvero la nuova versione del portale dedicato al Servizio Geologico d’Italia è online e contiene 36 banche dati,