Appalti e nuovi livelli di progettazione: moratoria di sei mesi

Appalti e nuovi livelli di progettazione: moratoria di sei mesi

Il decreto ministeriale riguardante le nuove regole relative ai livelli di progettazione si avvia all’approvazione definitiva. Per ora è stata predisposta una moratoria di sei mesi che consentirà di portare avanti i progetti già affidate agli aggiudicatari prima dell’entrata in vigore del decreto. Già il Consiglio di Stato aveva approvato il testo poco dopo la pausa natalizia, pur riconoscendo la necessità di introdurre modifiche e correzioni prima di renderlo pienamente operativo.

Ora si attende il parere del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, in ogni caso tutte le nuove regole entreranno in vigore non subito ma dopo 180 giorni dopo la pubblicazione del testo definitivo nella Gazzetta Ufficiale. Il nuovo testo rappresenta una piccola rivoluzione nel settore degli appalti perché i livelli di progettazione comprenderanno, al contrario che in passato, tre fasi ben distinte: il progetto di fattibilità tecnica ed economica, il progetto definitivo ed infine progetto esecutivo. Nella prima fase non basteranno più i preliminari svolti su indicazioni generiche ma si dovranno effettuare una serie di studi tecnici approfonditi che analizzino aspetti geologici, idrogeologici e sismici del territorio di riferimento.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 594 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Normative

IVA: escluse dall’invio obbligatorio le liquidazioni a zero

L’Agenzia delle Entrate sta in questi giorni discutendo sulla possibilità di escludere dall’obbligo di comunicazione e di invio di dati fiscali le così dette liquidazioni a zero. La nuova norma

Normative

Manovra Finanziaria 2018: i grandi esclusi

La Manovra Finanziaria 2018 porta con sé alcune differenze rispetto ai bonus presenti in quella dell’anno in corso, come per esempio qualche aggiustamento per difetto dell’Ecobonus per quanto riguarda la

Normative

I comunicati Anac sono considerati non vincolanti

Il Tar di Perugia, con la sentenza n. 428 del 31 maggio 2017, ha stabilito che le direttive contenute nei comunicati Anac devono essere considerate come pareri non vincolanti, ovvero