Sempre più imprese richiedono il “bollino di qualità” Antitrust

Sempre più imprese richiedono il “bollino di qualità” Antitrust

L’edilizia è uno dei settori in prima linea per la richiesta dell’attribuzione del rating di legalità, una sorta di bollino di qualità attribuito dall’Antitrust alle imprese considerate virtuose. Nel 2016 infatti le imprese che hanno richiesto il rating sono state ben 2118, contro le 1427 che lo avevano richiesto nel 2015. Le domande approvate sono state nel 2016 pari a 1499, con un incremento del 49% rispetto al 2015. La legge che consente l’attribuzione del rating è entrata in vigore nel gennaio 2013 e da allora il trend è in continua crescita, a dimostrazione di quanto l’imprenditoria italiana, anche nel settore costruzioni ed edilizia, tenga in grande considerazione trasparenza e legalità.

Le imprese che possono richiedere il bollino, cui l’Antitrust attribuisce un punteggio da una a tre stellette, devono dimostrare una serie di requisiti giuridici e avere un fatturato annuo pari o superiore ai due milioni di euro. Il rating assegnato dall’Agcm è importante anche per la concessione di finanziamenti pubblici o accesso al credito bancario, dal momento che viene tenuto in considerazione e consente di acquisire maggior punteggio.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Attualità

In arrivo l’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica

La Conferenza Unificata ha presentato in maniera ufficiale l’Anagrafe dell’Edilizia Scolastica, un documento ufficiale in cui sono censiti tutti gli immobili utilizzati per ospitare attività scolastiche. Degli oltre 42mila edifici

Attualità

Direttive europee: nuovo decreto per materiali da costruzioni entro marzo

Il Governo italiano, secondo quando previsto dal regolamento UE n. 305/2011 dovrà adeguarsi alle nuove norme sui materiali da costruzioni entro il 15 marzo del 2017. In particolare la norma

Attualità

Nuovi obblighi per la contabilizzazione del calore

Il Dlgs 102/14 impone per i condomini la contabilizzazione del calore diretta, ovvero deve essere installato un contatore per ogni unità abitativa: questo per recepire la direttiva europea 27/2012/EU che