0 1604 Views

Novità bonus casa 2018

Con la nuova Legge di Bilancio 2018, ovvero il Bilancio di previsione dello Stato per l’anno finanziario 2018, ci sono diverse novità per quanto riguarda i bonus governativi relativi a ecobonus e sismabonus. In particolare, in relazione alle abitazioni situate in zone sismiche 1, 2 e 3 ci sono più incentivi se gli interventi combinano sia una maggior sicurezza sismica che l’efficientamento energetico con una riqualificazione degli impianti presenti. Infatti se con i lavori si diminuisce di un punto la classe di rischio sismico l’incentivo è fissato all’80% dei costi ammissibili, che sale all’85% se le classi di rischio sono due.
Per quanto riguarda l’ecobonus sul riscaldamento, gli incentivi riguardano soprattutto l’installazione di caldaie a condensazione di classe A o superiore, che prevede dei bonus pari al 65% dei costi sostenuti e riguardano anche l’installazione di impianti ibridi con pompa di calore e caldaia a condensazione. Un’altra grande novità è il credito di imposta che consentirà di pagare almeno parte dei lavori trasferendo le somme del bonus per il pagamento dei lavori, anziché contare unicamente sulla modalità di rimborso tramite la dichiarazione dei redditti.

Previous Architect@Work London 2018
Next Assunzioni e sgravi fiscali per gli under 30

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni

Attualità

Concessioni di servizi nel nuovo D.lgs. 50/2016

Prima della pubblicazione del nuovo decreto legislativo 50/2016, che accoglie le direttive europee su appalti e contratti pubblici, un concessionario di servizi era scelto tramite concertazione di almeno cinque operatori

Attualità

La protezione verifica gli edifici dopo il sisma: il 55% risultano non agibili

Dopo il grave sisma che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 agosto, il Dipartimento per la Protezione Civile ha cominciato a effettuare sopralluoghi e verifiche per controllare quali