Consiglio Nazionale Ingegneri: tre professionisti su quattro rischiano la sospensione della qualifica antincendio
2087 Views

Consiglio Nazionale Ingegneri: tre professionisti su quattro rischiano la sospensione della qualifica antincendio

Secondo gli ultimi dati diffusi con una nota dal Consiglio degli Ingegneri sono tantissimi i professionisti che rischiano la cancellazione dall’elenco per esercitare la verifica antincendio necessaria per legge nei cantieri e in determinati ambienti lavorativi. Il motivo è da ascrivere alla scadenza, lo scorso 26 agosto, dei cinque anni previsti dalla legge per effettuare gli aggiornamenti richiesti dalle nuove leggi specifiche sulla sicurezza. Secondo il CNS sarebbero oltre 56 mila sugli 88 mila iscritti all’albo i professionisti che vedranno sospesa la loro qualifica. La cancellazione tuttavia sarà successiva a un periodo di sospensione, almeno fino a quando il professionista non raggiungerà le 40 ore di aggiornamento professionale attraverso specifici corsi che gli consentirà di essere reintrodotto nell’elenco.

Ogni sospensione sarà seguita nello specifico dai singoli ordini e collegi territoriali, che si occuperanno di ratificare la sospensione se i professionisti non raggiungeranno i crediti necessari.

Previous Reciprocal: installazione ecosostenibile firmata Sicily Lab
Next Urbanpromo Social Housing a Torino

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Nuovo Codice Appalti: problematiche e ritardi del piano anti-dissesto

Il Nuovo Codice Appalti sta causando ritardi e problematiche non previste, l’ultimo allarme relativo al decreto legislativo 50/2016 è legato al piano anti-dissesto, infatti su 31 grandi appalti previsti, solo

Attualità

Terremoti: il modello Umbria ha evitato la tragedia

Il terremoto che ha colpito il centro-Italia alle 7:40 del 29 ottobre, di magnitudo 6.5 secondo il centro nazionale INGV, ha portato vasti crolli ma ha evitato che i danni

Attualità

La protezione verifica gli edifici dopo il sisma: il 55% risultano non agibili

Dopo il grave sisma che ha colpito il centro Italia lo scorso 24 agosto, il Dipartimento per la Protezione Civile ha cominciato a effettuare sopralluoghi e verifiche per controllare quali