Dubai: il megaimpianto fotovoltaico dell’azienda italiana Ghella

Dubai: il megaimpianto fotovoltaico dell’azienda italiana Ghella

Il raggruppamento di imprese costituito dall’italiana Ghella e dalle spagnole Gransolar e Acciona ha appena firmato a Dubai l’accordo per realizzare quello che diverrà il più grande impianto fotovoltaico esistente al mondo: una superficie di 17, 8 chilometri quadrati e una quantità di pannelli solari pari a otto milioni di unità, capaci di produrre una potenza di 800 megaWatt.

Il contratto è stato firmato con la Dubai Eletricity and Water Authority (DEWA) e sarà eseguito secondo la tipologia di progetto definita “chiavi in mano” (o EPC). Grazie all’energia pulita e rinnovabile dell’impianto si eviterà l’emissione nell’aria di circa 1,4 milioni di tonnellate di CO2 nociva ogni anno. La nuova centrale è un’importante traguardo all’interno del Parco Solare Mohammed bin Rashid Al Maktoum, che porta gli Emirati Arabi in alto nella classifica dei territori con i maggiori investimenti in energia rinnovabile e pulita.

L'articolo è scritto da:

Michela Meloni
Michela Meloni 585 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

Potrebbe interessarti anche:

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Cooperativa di Ravenna costruirà un tunnel nelle Filippine

La CMC (Cooperativa Muratori e Cementisti) di Ravenna, una delle cooperative di costruzione con il fatturato più alto in Italia e nel mondo, si è aggiudicata un bando di gara

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Freeboter: il progetto dell’architetto Giacomo Graziani nel cuore di Amsterdam

Il quartiere Zeeburger, nel cuore di Amsterdam, è una vasta area sotto il livello del mare in cui si stanno avviando importanti iniziative abitative. Fra queste vi è il progetto

Viaggi nel mondo dell'edilizia

“Flagship store”, l’edificio metallico costruito con 17 container

È stato progettato dallo studio di architetti Spilmann-Echsle ed è un esempio di corporate architecture   Si trova a Zurigo uno dei più strani fabbricati del mondo che stravolge le