Le Turf Houses: un sistema di bioedilizia perfetto per resistere ai climi rigidi islandesi

Le Turf Houses: un sistema di bioedilizia perfetto per resistere ai climi rigidi islandesi

La tecnica dei “tetti verdi” che rispetta la natura ed incentiva il risparmio energetico

Solitamente siamo abituati a scorgere del verde al confine delle abitazioni o nelle vaste distese di terra, non immagineremmo mai di vederlo crescere sui tetti delle case. E invece, alcune tecniche e usanze a noi sconosciute e apparentemente bizzarre, in altre parti del mondo sono consuete ed efficienti.

Mi riferisco alle Turf Houses, le strane abitazioni islandesi i cui tetti e le pareti sono ricoperti da un manto erboso composto da torba (in inglese Turf), un materiale organico che permette di migliorare l’isolamento termico dell’abitazione, incrementare il risparmio energetico, regolare il deflusso delle acque piovane e ridurre l’anidride carbonica, la trasmissione dei rumori e delle onde elettromagnetiche.

Un sistema di bioedilizia perfetto per combattere e resistere alle alte temperature presenti nell’isola nel nord atlantico.

Come sono realizzate

I materiali utilizzati per edificare le Turf Houses sono di origine naturale. La struttura è composta da pietra e travi in legno, mentre il manto d’erba è utilizzato per ricoprirne il tetto o, in alcuni casi, l’intera superficie esterna.

Con il passare del tempo e la variazione delle condizioni climatiche, il manto erboso può subire dei deterioramenti causati dal naturale processo di deterioramento della Torba. In questo caso è consigliato rinnovare periodicamente il tetto erboso, oppure ricostruirlo interamente riutilizzando le pietre e il legname.

truf house tecniche costruttive

Le loro origini

Questa tecnica fu introdotta nel nono secolo dai coloni provenienti dal nord, primi dei quali furono i Vichinghi, per contrastare in modo adeguato i climi rigidi invernali tipici di queste latitudini.

In Norvegia, Irlanda, Scozia, Olanda e Groenlandia la pratica di ricoprire i tetti di “turf” fu usata per realizzare abitazioni per le persone più povere, mentre in Islanda la tecnica del tappeto erboso fu introdotta per tutti i tipi di edifici e per tutte le classi economiche, dalle residenze dei capi a quelle dei contadini, dagli edifici religiosi ai ricoveri per gli animali.

Proprio per questo motivo, sono state dichiarate come Patrimonio Unesco e sono un eccezionale esempio di “architettura vernacolare” (dal latino vernaculum, tutto ciò che era realizzato localmente).

La loro evoluzione nel tempo

Nel corso degli anni, queste abitazioni tipo hanno subito un’evoluzione nella forma adeguandosi al contesto e al mutare delle esigenze. Inizialmente avevano una forma allungata stile nordico e venivano utilizzate per lavorare e dormire, in seguito venne introdotto un corridoio centrale e una parte sopraelevata adibita a zona notte ben riscaldata e isolata dall’ingresso.

truf house moderne

Oggi alcune di queste costruzioni sono disabitate o inutilizzate, ma restano comunque una testimonianza diretta di una lunga tradizione storica, tramandatosi nei secoli, e di un’architettura che rispetta l’ambiente al punto da fondersi con esso in un sistema simbiotico.

Ci si augura che la tecnica dei “tetti verdi” possa essere utilizzata laddove sia possibile sfruttare le tecnologie odierne, in modo da rispettare la natura ed incentivare il risparmio energetico

L'articolo è scritto da:

Lucy Modugno
Lucy Modugno 9 posts

Laureata in Scienze della Comunicazione presso l’università degli studi di Bari Aldo Moro nell’anno 2016. Scrittrice e amante della fotografia e dell’artigianato. Appassionata di edilizia e architettura ecosostenibile nel rispetto delle condizioni energetiche e di qualità dell’ambiente, affinché esse permettano di creare un’interazione armonica tra l’uomo e la natura.

Potrebbe interessarti anche:

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Boom di richieste per la casa domotica Came

L’azienda italiana Came S.p.a., con sede a Treviso, ha recentemente ricevuto un feedback positivo dal Lussemburgo per il suo progetto Came Domotic 3.0: sono oltre duemila gli appartamenti che verranno

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Il gruppo Focchi a Londra per il rivestimento del Atlas Building

L’Italia ancora una volta si rivela in pole position di eccellenza per la realizzazione di lavori che necessitano di un alto livello di conoscenza tecnica. Il gruppo Focchi infatti è

Viaggi nel mondo dell'edilizia

Il gruppo Gavio conquista New York

Itinera, la società che si occupa di costruzioni di grandi infrastrutture controllata dal gruppo Gavio, ha acquisito il 50% delle quote di Halmar, società di costruzioni con sede a New