In arrivo il nuovo Regolamento Edilizio “Tipo”

In arrivo il nuovo Regolamento Edilizio “Tipo”

Il 3 ottobre si è discusso alla camera il nuovo decreto sul Regolamento Edilizio Tipo, che andrà a integrare il tuttora vigente Regolamento Edilizio Unico. In questo modo si andranno a sostituire le norme che risultano valide per tutti gli 8 mila comuni italiani, che spesso vanno in contrasto con il regolamento nazionale: ci saranno degli spazi di gestione autonoma da parte degli enti territoriali e proprio per questo motivo è stato deciso di chiamare il nuovo regolamento “Tipo”, alla luce delle nuove disposizioni di legge per lo “Sblocca Italia”.

Il nuovo regolamento è stato messo a punto dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti e si propone di semplificare e snellire le procedure nel settore dell’edilizia e delle costruzioni. I temi trattati sono innovativi e rispondono a esigenze non solo di semplificazione, ma anche di allineamento agli altri Paesi europei, come la qualità e il consumo energetico, la sicurezza e la riduzione del consumo del suolo attraverso il riuso e la riabilitazione di aree periferiche abbandonate.

Previous Le Turf Houses: un sistema di bioedilizia perfetto per resistere ai climi rigidi islandesi
Next Presto novità sul Testo Unico per la Salute e la Sicurezza sul Lavoro

About author

Michela Meloni
Michela Meloni 637 posts

Michela Meloni si occupa di editoria (LaPiccolaVolante Ed.), comunicazione pubblicitaria e redazione di articoli web oriented. Ha una laurea specialistica in editoria, giornalismo e nuovi media. Collabora con diverse web agency e scrive di libri sul sito Mangialibri.com.

View all posts by this author →

You might also like

Attualità

Novità per l’accatastamento dei fabbricati rurali

Il Decreto Legislativo n. 201 del 2011 impone a tutti i Comuni italiani la regolamentazione e l’accatastamento anche per i fabbricati rurali, che negli anni è stato trascurato e ora

Attualità

In Italia sono 637 le opere incompiute

Spesso conosciute con il famigerato nome di “ecomostri” le opere incompiute e abbandonate a se stesse in Italia sono ben 637, pur registrando un significativo calo rispetto al 2017 in

Attualità

SCIA 2: discussione parlamentare su nuove disposizioni

Il Parlamento in questi giorni ha attivato una commissione per la discussione dello schema di decreto che ampli la così detta Legge Madia n. 124/2015, meglio nota come riforma per